domenica 19 agosto 2012

La gioia della settimana e considerazioni


Forse non è la malattia improvvisa di Brontolo, che ci ha fatto tremare le gambe per due giorni ma poi per fortuna si è risolta soltanto con una forte dose di antibiotici;

forse non è stata la sensazione di paralisi che l’ha assalita quando non sapeva come fare per portare lui in ospedale, e poi in ospedale non ci sono nemmeno andati;

forse non è la nuova colonna sonora che Brontolo ha creato questa settimana “Ce la farò ad uscirne?”, che prima ti fa ridere, poi ti spaventa e infine ti fa terribilmente arrabbiare;

forse non è solo perché a quest’ora dovevano essere su un aereo diretto verso il dolce far niente, ed era già tutto pronto, comprese le aspettative di Mamma, ma hanno dovuto annullare ogni cosa;

forse non è nemmeno la convivenza con due bambini sempre più insonni e isterici, sempre più difficili da tranquillizzare quando sei in queste condizioni, e la gestione di una famiglia che richiede ogni energia ogni giorno, senza soluzione di continuità, nonostante tu le energie le abbia esaurite da un pezzo...

Forse non è nessuna di queste cose da sola, ma ogni gocciolina che cade in questo vaso già così pieno, scivola lentamente fuori dal bordo, riga le mie guance e mi toglie la voglia di ridere.


La gioia di questa settimana è stato il sorriso di mia nonna, quando è stata portata davanti alla sua torta di compleanno e con gli occhi sorpresi ha spalancato la bocca contenta, senza parole.


La torta-cucito per il compleanno di nonna Tina, in pasta di zucchero

6 commenti:

  1. Accidenti, oggi sono tornata io dalla settimana di niente-di-urgente-da-fare (non e' stato tutto perfetto ma il riposo c'è stato) e capisco la tua frustrazione! Non e' un buon periodo, quando si e' stanchi pare tutto intollerabile. Spero passi presto, almeno un attimo di quiete prima della solita routine di settembre.
    La torta e' davvero meravigliosa e ancora di più lo e' lo stupore di una novantenne.

    RispondiElimina
  2. Ciao Marzia, bentornata! Spero anche io di riuscire a staccare un po' dalla " solita routine" prima di settembre... Ma non ci credo più molto! Bacioni stressati

    RispondiElimina
  3. Una parola sola: coraggio!

    RispondiElimina
  4. Ehi, non ti voglio sentire così giù!
    Dai, che tutto si sistema!
    La torta è stupenda!

    RispondiElimina
  5. Grazie del supporto!
    a dire la verità mi sento pure in colpa ad essere giù... nel mondo c'è senz'altro chi sta moooolto peggio... ma che ci posso fare?!

    RispondiElimina
  6. Ciao Rèicel (Rachele...ehm ehm)...mi spiace tanto...sono fuori dal mondo blog dal 7-8 e non so cosa è successo!!!
    La torta è troppo bella...non mi vorrai dire che l'hai fatta tu???

    RispondiElimina