lunedì 25 agosto 2014

Vacanze italiane

Le vacanze italiane sono agli sgoccioli, e a breve Mamma tornerà in terra crucca a tremare di freddo assieme a Brontolo, già imbacuccato in coperte e abiti pesanti.
Nel frattempo comunica che questa estate, causa maltempo, non ha mangiato che un unico frappè al pistacchio.
Ma lo sapete come si sente un espatriato in vacanza in Italia?

1) Quando programma di partire per le vacanze, Mamma non vede l'ora. "Torno a casa!", pensa con emozione, programmando "Farò questo, mangerò quello, andrò qui, starò là"
2) Quando è ora di partire, però, guarda la sua casa e pensa che in fondo in fondo un po' gli dispiace lasciarla.
3) Quando entra nell'autostrada italiana le è già venuto il nervoso per come guidano gli altri.
4) Ogni volta che sente parlare qualcuno in italiano attorno a lei, sobbalza e lo guarda con tanto d'occhi, rendendosi conto solo dopo che è perfettamente normale che qui si parli la sua lingua.
5) Quando vede un'auto con targa del suo nuovo Paese le viene la curiosità impellente di vedere chi la guida.
6) Non può fare a meno di mangiare mozzarelle e stracchino e sorridere beata, domandandosi come mai quel bendiddio non venga per legge esportato in tutto il mondo.
7) Si attira il fastidio di amici e parenti con confronti e paragoni dai quali la malconcia situazione italiana esce spesso incerottata e pesta.
8) Si guarda intorno e si domanda se abbia fatto bene ad andarsene. Quando realizza che purtroppo nulla è cambiato, prende atto che tornare a vivere in Italia sarebbe impensabile e comincia a organizzare il suo rientro all'estero.
9) "Torno a casa!", pensa con fermento, programmando "Farò questo, mangerò quello, andrò qui, starò là"
10) Quando è ora di partire, però, guarda la sua terra e pensa che in fondo in fondo un po' le dispiace lasciarla...


11 commenti:

  1. Quando guarda un TG però pensa che in qualsiasi posto lei vive,per i suoi figli ci sarà un futuro mentre in Italia no e allora, secondo me, partire non è più tanto un po' morire...buon rientro!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, partire non è come morire, anzi ti confesso che mi va di tornar su adesso! telegiornali a parte… ;)

      Elimina
  2. Pur non essendo una espatriata, credo di capire cosa intendi dire...
    Forse è solo che dopo un pò, casa diventa due posti, anzichè uno solo, e ci si affeziona ad entrambi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti anche se ti sei trasferito di città in Italia provi un po' le stesse cose! Solo che quando vai all'estero sono molto più amplificate… e se ti affezioni, non è solo ad una città ma ad un Paese intero!

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ahahah! Sapessi quanto hai ragione!!!

      Elimina
  4. Idem, io che vivo in Colorado (ex brianzola) faccio paragoni, mi abbuffo di stracchino e mozzarella di bufala, formaggi puzzolenti e spaghetti alle vongole.
    Quando è stato il momento di tornare a Boulder è stato un mix feeling.
    Cmq sto bene anche qui, nonostante tutto.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vongole, è vero! anche i bambini ne fanno il pieno quando torniamo in Italia! :D

      Elimina
  5. E' una vita che lo faccio e se potessi, cercherei il terzo paese da subito per "spezzare" la disputa atroce tra il paese 1 ed il paese 2! La vita da espatriati ha tanto di se e di ma... e di malinconia.

    Buon rientro!

    RispondiElimina
  6. Ma è bello o è brutto essere divisi a metà?

    RispondiElimina