giovedì 2 maggio 2013

Fb e bilanci

Mamma ha ufficialmente deciso che Facebook nuoce alla sua salute mentale.
Vede foto degli amici più remoti, legge battute ed eventi divertenti, ricorda momenti lontanissimi che facevano parte di una vita che ormai sembrava dimenticata.
E dopo averne gioito, la malinconia l'attanaglia e passa il tempo successivo a fare bilanci.
Ma chissà perchè, da tali bilanci, lei esce quasi sempre a testa bassa.

Là fuori c'è un mondo di persone che le sono state vicine e care, e che ora viaggiano su binari così lontani da sembrare impossibile che si siano mai sfiorate.
Là fuori ci sono donne che sono riuscite a realizzare quello in cui lei ha mancato, che le sembrano il ritratto della grinta e della piena realizzazione di sè.
Là ci sono compagne d'infanzia che sono diventate donne dove lei avrebbe voluto, come lei ha sempre sognato e come mai potrà più essere.
Là fuori la vita va avanti a sua insaputa, senza aspettarla, senza chiederle il permesso, mentre lei s'incanta a guardare il passare del tempo dal colore cangiante delle foglie.

La vita di Mamma è fatta a fasi, e ad ogni fase è associata una città diversa.
Ha rifiutato la noia come una delle nemiche più acerrime, ma averla combattuta da sempre ha lasciato alcune ferite, allontanandola ogni volta dai suoi affetti.
Oggi si può dire abbastanza soddisfatta della sua vita e di quello che ha. Ma a volte, in certe serate silenziose, il rimpianto di quello che avrebbe potuto essere, se solo non fosse mai partita, decenni or sono, o se solo si fosse fermata, le fa venire il respiro corto, sospiri profondi e le lacrime agli occhi.

Ma per fortuna, domani ha il dentista.

43 commenti:

  1. Sei dolcissima e meravigliosamente ironica nei tuoi racconti.
    A volte capita anche a me..ma poi se mi fermo a pensare realizzo che ogni scelta comporta delle rinunce... e forse ho scelto la strada migliore! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie! :)
      Se mi fermo a pensare anche io lo realizzo, ma la prima reazione è quella dei grossi sospiri e del "chissà come sarebbe potuto essere"!

      Elimina
  2. Bellissimo post, complimenti! Questa fase di ennesimo cambiamento ti crea un mare di emozioni. Sei brava a metterle per iscritto, è altamente terapeutico. Un abbraccione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il complimento, in effetti mi serve tantissimo scrivere, è proprio un bisogno fisiologico ;)

      Elimina
  3. Spesso Fb narra di un mondo irreale, ognuno tende a presentarsi al meglio di sè, anche a costo di distorsioni della realtà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, in effetti io non metterei mai le mie foto "normali" ma quelle più belle e divertenti e magari pure in abito da sera... e chi le guardasse penserebbe "Caspita che vita sociale da paura, questa qua!" :)

      Elimina
  4. allora a te è capitata la parte migliore: quella di chi sa osservare e vedere!

    RispondiElimina
  5. Quante volte capita anche a me!! E quanti bilanci impietosi! Non c'è soluzione: chi da sè vuole molto non smetterà mai di guardarsi dentro. Ma io so anche che le scelte che ho fatto le ho fatte consapevolmente, perché in quel preciso momento mi sembrava giusto farle. Con il senno di poi non si possono capire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, è così anche per me, e forse tornando indietro rifarei comunque le stesse scelte!

      Elimina
  6. La nostalgia è sempre dietro l'angolo, lo so...ma se rifletti su ciò che hai di bello (e ne hai, specie con la tua famiglia Brambilla!!) vedrai che poi passa!
    Però non è un delitto tuffarsi un pò nel passato o immaginare un'ipotetica vita parallela...è umano fare bilanci e pensare alle cose che si potevano fare e che non si sono fatte.
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi lamento della mia vita, è solo che sono "umanissima"!!!! ;)

      Elimina
  7. mai paragonarti agli altri: vedi sempre una parte, non sai cosa c'è sotto, dietro. Per es. la tua amica ha il marito che aiuta in casa: ok, lo cambieresti col tuo? MA in tutto!!! Magari si dimentica di pagare l'assicurazione auto, il bollo, non sa far la spesa, non gioca coi bambini... E la loro vita è davvero così felice e realizzata come pensi? Magari x fare carriera ha rinunciato ai figli, oppure è semplicemente nata 5 10 anni prima e l'è andata di culo col lavoro, ma tu, io non siamo nate prima.
    Noi dobbiamo giocare con queste carte: non puoi passare, non puoi lasciare...
    E siamo proprio sicure che queste non siano belle carte?
    Cindy
    (p.s. crisi pre-mestrulae, crisi pre 40 o che altro? ce l'ho spesso anch'io, cmq!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, hai ragione, me lo dico spesso anche io "Chissà cosa c'è dietro, magari in realtà le cose sono molto diverse". Però ti chiedi sempre se in qualche vita parallela potevi avere TUTTO senza rinunce!
      (P.s. in effetti è la prima che hai detto! ;)

      Elimina
  8. Condivido il commento di Unknown...leggere facebook è un pò come vedere una coppia di amici o conoscenti solo ad un matrimonio o ad una festa ogni tanto...li vedi felici e sereni e non sai niente altro...e come vedere le madri passare tutte in tiro con il passeggino sotto casa,magari dopo che hanno pianto, lottato con un nano urlante per vestirsi o implorato la nonna in aiuto e lasciato la casa nel caso totale...l'apparenza inganna! Nostalgia e qualche rimpianto, però, temo siano inevitabili, così come sognare una vita parallela, ogni tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo dico sempre anche io a una mia amica, quando vede le mamme belle tranquille in giro e dice beate loro!!!!

      Elimina
  9. come capisco la sensazione, oddio come la capisco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :))) meno male, pensavo di essere l'unica a farmi di questi pensieri!

      Elimina
  10. Metti la foto del tuo dentista su FB....vedrai quanta gente rosicherà!!! :-D
    Scherzi a parte.....ti capisco. Anche a me capita spesso di pensare "E se...". Poi però mi guardo intorno e ......
    Un bacione grande!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah!! Mitica Pat hai ragione!!!

      Elimina
  11. Facebook nuoce gravemente alla...autostima!! ;D
    Per questo io non ci sto, su fb!! Ah, ah non è vero! Non ci sto, perchè non ho il tempo di starci dietro! Tanto l'autostima è già bassa! ;D
    Aaah, cara Rachele, a parte gli scherzi, facebook è una vetrina, il più delle volte distorta, le persone si dipingono migliori di quello che sono, per risultare soprattutto a se stesse fonte di soddisfazione.
    Non ti crucciare, chiunque ami la vita, vorrebbe la sua secondo i propri desideri, ma non tutto è realizzabile, non come noi lo abbiamo sognato. Oggi c'è il sole (timido) a Milano, è inutile pensare alla pioggia dei giorni passati, è molto meglio godersi il tiepido di oggi, che ne dici?
    E tu, mi pare, hai una famiglia che è un sole caldissimo!
    Un bacio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione! è che a volte uno è più incline all'autolesionismo.... ;)

      Elimina
  12. Cara Rachele, oggi sono nel pieno down: sto cercando di fare il temutissimo cambio di stagione e come ogni anno butterei via tutto ma poi non riesco perchè i miei vecchi vestiti mi ricordano tante me passate e che forse non torneranno....e poi mi dico che è meglio così, bisogna sempre guardare avanti anche quando il futuro sembra più che mai incerto!! ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, faccio così anche io! parto con le migliori intenzioni, e poi mi dico sempre che no, dai, è tanto carina questa maglia, magari fra qualche anno torna di moda... :)

      Elimina
  13. Come ti capisco Rachele, vedere gli amici, quelli di un tempo, dove avresti dovuto vivere, la nostalgia che ti assale è inevitabile, lì c'è una parte di te che tutti i cambiamenti della vita che ti riserva, non cancelleranno mai. C'est la vie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi capisci alla perfezione!!!! è proprio quello che mi succede!

      Elimina
  14. rachele che segno ziodacale sei? Cancro? Io ho imparato a fare opera di rimozione di quello che mi fa soffrire e in generale nn guardo mai indietro. Sono tutti trucchi che ho imparato nel tempo,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono pesci! Però sto imparando anche io, eh? piano piano!

      Elimina
  15. Non pensare al "come lei ha sempre sognato e come mai potrà più esser". Mai dire mai, prima di tutto, e forse quel che non è stato dopotutto non doveva essere. Come ho scritto in un post tempo fa, parlando di un libro che ho letto, bisogna voler bene al proprio destino: forse a volte un altro destino è già pronto per noi, ma non riusciamo ancora a vederlo.
    Visto che sei brava a raccontare, perché non ci racconti questa Rachele parallela, una specie di sliding doors? Pensaci.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carina questa idea!! mi ispira!
      un abbraccio a te

      Elimina
  16. Quando leggo questi post, penso sempre che tu abbia una vena poetica nascosta e che quando viene fuori, e' una sinfonia.

    RispondiElimina
  17. Oh, capita a tutte, mi sa.
    Io nei giorni no, prima di G, mi mettevo a contare quante 'amicizie' avevano figliato e cosi mi deprimevo ancora di piu'.
    Sono d'accordo con Robin e pure con Unknown. Non ha senso fare paragoni (ma e' inevitabile farlo).
    E poi non e' da tutti saper essere ironici come te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, nel tuo caso era diverso, capisco quella sorta di "masochismo" che ti faceva fare la conta dei figli...
      Nel mio caso i paragoni li faccio con le scelte che non ho fatto... vere e proprie paranoie mentali insomma :)

      Elimina
  18. Invece se io guardassi te su Fb penserei: "accidenti!! Rachele è davvero una bella sgnacchera, ha un marito perfettino che sparecchia ancor prima di mangiare ;-), due figli stupendi e un'incredibile capacità comunicativa, oltre ad essere un'ironica e straordinaria scrittrice!!...Inoltre, all'apice del rosicamento, mi verrebbe anche in mente che stai per iniziare una nuova magica avventura in Foresta Nera, mica in un villaggio sperduto al centro della Foresta amazzonica?. Concluderei la mia constatazione con un'espressione poco elegante, ma pregna di significati profondi, che è sinonimo di "che fortuna!" ;-). Un bacino e tirati su, bella sgnacchera :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, bella sgnacchera io!
      Grazie cara ;)

      Elimina
  19. Rachele io leggo il tuo e tanti altri blog e vi invidio, scrivete bene, siete in viaggio, e tu vai pure dal dentista. Su fb scrivo perlopiù cavolate. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapessi nei parchi tedeschi quante pareti per bambini ci sono da scalare!!! ti penso ogni volta :)

      Elimina
  20. volevo solo farti sapere che passo e ti leggo appena riesco e che vorrei conoscerti di più oltre la cortina della pagina web perchè sei una bella persona...bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella cosa mi hai scritto! Grazie! La prossima volta che vieni a Milano allora avvertimi perché ti conoscerei tanto volentieri anch'io!!!

      Elimina
  21. questo post è talmente dolce, intimo, malincoinico e sincero che d'istinto mi lascia totalmente disarmata.

    t'abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un abbraccio anche a te cara Pera, grazie! :*

      Elimina
  22. Rachele che bello leggerti!. E un vero piacere!. Complimenti per il tu blog e per avere la disciplina e la dedizione di scrivere ogni giorno... con due bambini non è proprio cosa facile!. Non credo poi che tu possa desiderare il successo altrui avendo tanto talento per la scrittura!. Ti seguo con piacere. Adriana

    RispondiElimina