mercoledì 5 febbraio 2014

L'allenatore

Tutto iniziò un giorno nella pizzeria "Da Bruno".
"Brontolo, guarda queste foto! ci sono delle squadre di calcio con bambini dell'età di Macco! Perchè non lo iscriviamo?"
Brontolo lì per lì non aveva reagito, poi ha scoperto che la moglie aveva preso accordi con l'allenatore per il martedi successivo, e da quel momento tutto ha avuto inizio.
"Anche io andavo a calcio da piccolo" ha esordito. "Mi piaceva moltissimo, ero molto bravo"
Per passare velocemente ad un "Quando arriva martedi? Non vedo l'ora di andare a calcio!"
e terminare con una serie di domande in magnifico climax ascendente: "Ma che ne dici se mi propongo come allenatore per il prossimo anno? Che dici, mi metto la tuta? E che dici, porto gli schemi?"

"Macco... ma lo sai che quando andrai a giocare a calcio papà ti verrà a vedere a tutti gli allenamenti, e ad ogni partita farà il tifo e urlerà come un matto e verrà con te ovunque e ci divertiremo da impazzire?"
"Questi si chiama plagio, attento Brontolo..." lo ammoniva lei.
"Ma io lo dico solo per loro, mica per me. Eh Macco? Vero che non vedi l'ora di andare a calcio con il papà?"

E finalmente ieri è arrivato il giorno X.
"Metto la sveglia alle 7 così posso uscire in tempo per la lezione". 
Il massimo dell'aberrazione.

E così, in una palestra immensa come quattro delle nostre, due giovanotti e una ventina di marmocchi fra i 3 e i 6 anni correvano avanti e indietro seguendo comandi incomprensibili.
Dede ha resistito quattro minuti, e in quel frangente si è scatenato nella sola attività di riempire di bacini il fratello e la madre.
Macco si è divertito come un matto mentre da bordo campo, qualcuno, con la scusa che la creatura non capiva il tedesco: 
"Macco! Ma che fai lì? Corri! devi fare goal da quella parte!"
"Macco! Non ti fare passare avanti! E sbrigati, nooo, cavolo, ma come si fa?"
"Macco! Ancora? Non vedi che quello ti è passato avanti? Corri a prendere la palla, allora!"

"Amore, allora ti sei divertito? Ci vuoi tornare la prossima settimana?" ha chiesto Mamma a lezione finita.
"Non ci vojo tonnare mai più mamma"
"E PERCHE'?" un grido stridulo da poco lontano.
"Pecchè non so fare niente"
"Tesoro, non ti preoccupare. Ci tornerai solo quando avrai voglia, d'accordo? Aspettiamo che diventi un pochino più grande se vuoi"
"Ma che dici? Macco, anche papà non sapeva fare all'inizio, ma poi si è allenato ed è diventato bravo, e anche tu se ti alleni diventerai bravissimo. Se inizi ora, da grande saprai fare meglio di tutti"
Silenzio.
"Non ci vojo tonnare mai più mamma"

Oggi in casa brambillen vaga l'ombra di un uomo distrutto.

37 commenti:

  1. Chissà che a Brontolo questa cosa del calcio non gli abbia rispolverato qualche rimpianto del passato....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il rimpianto di non aver più giocato per un incidente che ebbe qualche anno fa... :)

      Elimina
  2. No, ti prego, il calcio no... Rugby? Judo? basket?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Semplicemente perché Marco adora giocare a calcio! anche a me non piace, ma deve piacere a lui ;)

      Elimina
  3. Si Rachele, già che sei all'estero, fuori da questo paese calciocentrico, avete l'opportunità di optare per altri sport!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pare che anche qui abbiano una passione per il calcio... ci sono solo campi da tennis, ma tutti scoperti...

      Elimina
  4. Più che altro, visto che a lui piace, perché non provi a portarlo senza papà??
    Raccontata così sembra che brontolo gli abbia messo un po' troppa pressione addosso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha! si, infatti gliel'ho detto di uscire! ha risposto che non poteva lasciare suo figlio, la prima volta che faceva l'allenamento...

      Elimina
  5. Italiani calcio-dipendenti? Passerà...
    Il tuo piccolo troverà lo sport che gli piace e il suo papi se ne farà una ragione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, infatti per fortuna c'è la mamma ad arginare il tutto! :D

      Elimina
  6. sono sicura che alla prossima lezione ci andrà Brontolo con i panni di Macco :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma lo sai che ci ho pensato pure io!?!? che ridere!!!

      Elimina
  7. magari ora di martedì ci ripensa... sicuramente l'ostacolo della lingua all'inizio c'è, ma poi è tutto in discesa...
    Povero Brontolo, tarpate le sue ali, così...
    Cindy
    p.s. io odio il calcio, ma se Ale lo vorrà fare... vabbè cercherò di distrarlo ahahhahahahaha ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Boh... marco è permalosetto, e sentirti ripreso dal padre e preso in giro dagli altri bambini non sarà facile da mandar giù :(
      magari passeremo al tennis!

      Elimina
  8. Povero Brontolo!!
    Se ne farà mai una ragione???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaaa... secondo me non ha abbandonato la partira. Riprenderà a tallonarlo lunedi prossimo!

      Elimina
  9. Pat pat sulla spalla di Brontolo...

    RispondiElimina
  10. C'è un ambizioso e mancato campione in ogni papà.
    In ogni bambino, per fortuna no. ;))))

    RispondiElimina
  11. ahi ahi ahi...uomini italiani e calcio... non c'è nulla da fare...è DNA! Da questo punto di vista sono contenta di avere 2 femmine...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "male" che ti vada loro andranno a danza... oh che invidia!!!

      Elimina
  12. Temo il momento...ma spero tanto che vivendo per i prossimo 3 anni in un paese rugbycentrico, magari ce la scappiamo sta cosa del calcio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho sempre temuto anche io. Poi quando è arrivato il momento è stato meglio di quanto temessi... vedere tuo figlio che corre felice è un'esperienza sempre unica! :)

      Elimina
  13. secondo me, sono stati solo la presenza e l'incitamento del papà, a farlo desistere...troppa pressione? Magari lasciarlo solo con mamma?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci si è messo il fratello di mezzo a dirgli che gli altri bambini lo stavano prendendo in giro... aggiungi il papà un tantino "coinvolto", credo che abbia capito che era meglio far calmare le acque!

      Elimina
  14. Ma almeno l'ombra che vaga ha capito che certe volte bisogna mangiarsi la lingua invece di fare il tifoso? :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No... ma a su discolpa ammetto che faceva venire il nervoso anche a me, come si stava facendo passare davanti da tutti gli altri! :D

      Elimina
  15. ahahahahahaha!!! Alla fine gliel'ha fatto odiare :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povero cucciolo! speriamo gli passi e possa decidere serenamente cosa gli piace fare! :)

      Elimina
  16. Io son qui che prego che Miciomao non voglia giocare a calcio...in famiglia a nessuno piace!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me con Fede è andata bene: dopo 3 minuti ha abbandonato il campo e mi ha chiesto "ma perchè devo per forza stare qui che non mi piace?" :D
      gioia di mamma!

      Elimina
  17. Ciao, ho scoperto per caso il tuo blog e ne sono rimasta incantata! da almeno un'ora (forse anche di più) mi sono persa a leggere i tuoi post! I tuoi figli sono simpaticissimi e hai un modo di raccontare molto coinvolgente! Complimenti di cuore.
    Mi iscrivo tra le lettrici fisse e sono ansiosa di leggere il tuo prossimo racconto!
    un bacio a presto!!
    http://cyrilmakeup.blogspot.it

    RispondiElimina
  18. Figlio ha solo 3 anni SCARSI e già lo stiamo intortando con la pallavolo ... e ogni tanto ci diciamo "E se da grande vorrà giocare a calcio? Vabbè, tutti i bimbi iniziano col calcio ma poi cambiano ... e se invece di iniziare pallavolo, vorrà fare nuoto...? O pallacanestro?!?! ...beh, farà quello che vuole... "
    ...ma non siamo per niente convinti, quando lo diciamo...

    RispondiElimina
  19. judo, judo!!! (sono di parte lo so ;) )

    RispondiElimina
  20. Povero uomo distrutto!!

    io son voce fuori dal coro ..il calcio a me piace... a mio marito un gliene frega niente ...per ora nuoto e poi quel che vorranno fare proveremo!

    RispondiElimina