martedì 24 marzo 2015

Ma i bambini vogliono sapere?

A letto, prima di dormire. Mamma se ne esce con una delle sue domande filosofiche:
"Dede pensi di essere più felice adesso o quando sarai grande?"
"Adesso mamma. Perché... sai perchè? Perché io voglio sempre stare con te e invece da grande tu non ci sarai più"
Mamma fa le corna, i debiti scongiuri e poi gli spiega ridendo che non deve per forza morire così presto.
"Lo so, ma quando sarò grande non ti vedrò più, proprio come tu non vedi mai la tua mamma. E poi non voglio sposarmi con una Tedesca"

Mamma capisce il punto e chiarisce con il figlio maggiore alcuni concetti.
"Nella tua vita sarai tu a fare le scelte per te più giuste: se vorrai vivere vicino a mamma e a papà, io sarò contentissima. Se vorrai andare lontano per realizzare un tuo sogno, io sarò felice con te e ti verrò a trovare tutte le volte che vorrai, così ci vedremo spessissimo. E se vorrai sposarti, ti sposerai con la persona che amerai, chiunque sia, altrimenti non sei obbligato: l'importante è che tu sia felice!"
"Allora non mi sposo mamma"

Poi tace e tira giù le coperte.
"Anzi  no mamma, è meglio se mi sposo. Sai perchè?"
Il bambino spiega a Mamma che sarebbe un peccato non sposarsi perchè non potrebbe avere dei figli, e sarebbe un peccato avere i testicoli e non poterli usare. (*)
"Quindi è meglio che mi sposo, che ne dici mamma? Ho ragione?"

Mamma ride così tanto da far ridere anche lui, benché non ne capisca il motivo.
Lui, splendido e purissimo.
Lui, che sa come funziona il cuore, il concepimento, la digestione, la riproduzione degli insetti e ha assimilato tutto nello stesso identico modo.
Che se vuole sapere qualcosa la domanda semplicemente, e se la risposta lo convince è pienamente soddisfatto.

E che il prossimo anno, in seconda elementare, dovrà seguire le lezioni di educazione sessuale, mentre quelle di digestione, circolazione sanguigna e riproduzione degli insetti no.
E se le cose non gli saranno dette nel modo giusto, al momento giusto, con la delicatezza giusta potrebbe sentirsi imbarazzato, o turbato.
E Mamma non vede il senso in tutto ciò.
Perché è profondamente convinta che non ci sia motivo di raccontare ad un bambino quello che non vuole sapere e che nella sua testa ancora non esiste, in nome di una fantomatica sete di conoscenza: le domande verranno, quando sarà ora.
E le spiegazioni serviranno, ma al momento giusto.

Per ora Dede ha deciso di sposarsi per poter utilizzare quella parte del corpo che altrimenti sarebbe inutile, e così è sereno.
E' davvero indispensabile raccontargli di più?



(*) Ho pensato a lungo se raccontare in dettaglio questa spassosissima dichiarazione di Dede, ma alla fine ho preferito rispettare la sua privacy e limitarmi ad un rapido sunto.

22 commenti:

  1. Tuo figlio è splendido!
    Ha trovato una giusta motivazione anche per sposarsi!!!
    ;-)

    RispondiElimina
  2. Stavo per fargli i complimenti ma forse è meglio se ti mando il numero di telefono! Se decidesse di sposare un'italiana, gli presento una figlia. Non si sa mai! :D
    Io la penso come te. Non è indispensabile anzi, a mio avviso è una violenza imporre temi ai bambini se non rientrano ancora nei loro pensieri e nelle loro domande. Bisogna coltivare il dialogo e sperare che sentano di poter porre le loro domande tutte ognuna a suo tempo che è dettato da loro e non da qualche premura maniacale dei genitori!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha! combiniamo subito allora! :D

      Elimina
  3. fortissimo Dedè! anche Michele dice che si vuole sposere perché vuole avere 4 figli!! dei testicoli lui però non sa ancora niente...;.))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma carino! 4 addirittura?! troppo dolce!

      Elimina
  4. Bè mi pare una spiegazione molto logica ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Logicissima, e se poi assistevi alla scena non ti dico…

      Elimina
  5. Fantastico!!
    Anche io preferisco ' non svegliare il can che dorme'.
    Le domande arriveranno quando avranno bisogno di risposte.
    Impe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma si, dai, a 8 anni è fondamentale sapere tutto??

      Elimina
  6. Sono d'accordo cn te! Anna

    RispondiElimina
  7. Che mito!!!!
    Fanno educazione sessuale in seconda elementare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Iniziano in seconda, in alcune scuole in terza. Per il momento ho sentito dire che i programmi sono molto "leggeri" e tenuti con delicatezza.
      Il fatto è che va tutto bene... finchè non incontri un insegnante meno delicato!

      Elimina
  8. fantastico! I tuoi racconti sono sempre deliziosi! Vero che hai del materiale umano molto notevole!! Dede sei fantastico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, ne crea di spettacolari!!!!

      Elimina
  9. Completamente in dubbio come te .... un po' di magia va lasciata soprattutto così piccoli ...io direi che l'educazione sessuale la rimanderei di qualche anno ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che credo che sia una materia obbligatoria. Comunque lo scoprirò presto

      Elimina
  10. fantastici i bambini...sono pienamente d'accordo con te, perchè dare risposte se non ci sono ancora le domande dentro di loro? ma davvero in germania fanno educazione sessuale in seconda elementare???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, in alcune scuole iniziano in seconda. Alla prossima riunione dei genitori lo chiederemo

      Elimina
  11. Concordo con te che sia utilissimo e giusto dare le risposte giuste ma...al momento giusto!
    E comunque tuo figlio mi sembra pronto ad assimilare qualunque concetto, considerato quanto è sveglio!

    RispondiElimina
  12. Ma per curiosità, a otto anni sa già che non si vorrà sposare con una tedesca?perché, di grazia? frequenta una scuola tedesca, in Germania, i compagni immagino sia in prevalenza tedeschi...da dove viene un pregiudizio del genere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, meglio chiarire: credo che il problema sia la lingua! il pensiero di dover parlare con lei sempre in tedesco lo sconvolge fin da ora! :D

      Elimina