venerdì 17 gennaio 2014

La cecità italiana

Mamma è rimasta chiusa in casa per quasi tutta la settimana.
Una squadra di pittori ha sostituito la carta da parati della "stanza del fumo", retaggio degli inquilini precedenti, trasformando la sua casa in un campeggio, con armadi e materassi sparsi qua e là.
Ieri hanno finalmente concluso l'opera.
Mentre pensava a come utilizzare la restante parte della giornata in modo proficuo, Driiiin! Driiiin!

"Signora brambillen? Qui è l'asilo di Dede. Il bambino non sta bene, ha mal di pancia ed è caldo..."
"Arrivo subito!" risponde lei affatto preoccupata: non vuole andare all'asilo, e probabilmente ha somatizzato la tensione accumulata.

All'asilo, Dede è sulla porta. Bocca sbarrata, occhi lucidi, cerchiati di nero.
"Tesoro, ma stai male?" si allarma subito lei.
Lui scoppia a piangere stringendola forte.
"Mamma, è stato terribile qui all'asilo! Tu mi hai detto che devo essere felice, e invece io non sono felice mamma, è stata la cosa più brutta, io chiamavo, chiamavo e non rispondeva nessuno..."
In quel momento Mamma realizza che non c'è nessuno nell'edificio dove ha la classe Dede. Sono usciti tutti, lasciandolo solo.
Lei lo coccola, lo rassicura e prova a ragionare con mentalità non italiana.

D'accordo, calma, magari c'è un aspetto educativo in tutto questo, si dice mentre culla il bambino singhiozzante. Ci sarà pure un aspetto positivo, nel lasciare un bambino da solo nell'intero edificio, devo solo capire quale.
Ma Mamma forse è troppo italiana per vederlo. "Andiamocene Dede, senza dir niente a nessuno" conclude dopo un po'.

Ma uscendo incontra la signorina Rottermaier che sta chiacchierando amenamente con una collega.
"Ohilà, Frau brambillen! Dede è nella dependance!"
"Era là. Ora è qui con me. Era da solo e piangeva".
L'educatrice risponde, prova a spiegare, sorride.

Ma Mamma non è più disposta a conciliare.
Ha alle spalle quattro giorni di reclusione, un bambino malaticcio e infelice e, cosa più grave di tutte, è a dieta.

Il prossimo passo è comprare i biscotti danesi in assortimento questa settimana.
Il successivo, un italianissimo ultimatum alla direttrice del fantastico cruccasilo.
Sarà che è troppo chioccia, sarà che è un pochino ottusa, ma l'aspetto positivo, ancora, non è davvero riuscita a trovarlo.

51 commenti:

  1. Maddonna ma davvero?! E' una cosa vergognosa!
    Povero Dede :( piccino, mi fa una tenerezza :_(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non dirmelo... non sapevo se uccidere qualcuno o piangere...

      Elimina
    2. Bhe una cosa non esclude l'altra! ^_^ Ti abbraccio cara

      Elimina
  2. sono stata a Berlino a Capodanno.. era stra entusiasta! ti giuro che tra la città che non mi ha entusiasmato e i crucchi che ho trovato dei gran cafoni... sono arrivata a non sopportarli.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciò che mi racconti.. l'ennesima dimostrazione!

      Elimina
    2. Mah, non so dirti a Berlino. Qui devo ammettere che la gran parte delle persone è gentile e amichevole, soprattutto per una abituata ai milanesi! :) Forse con i turisti sono più antipatici? non saprei... certo è che quando sono stronzi, gli riesce proprio bene :D

      Elimina
  3. Ommmioddio! E quale potrebbe essere l'aspetto positivo?? Povero cucciolo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, io non lo so! Speravo qualcuno la vedesse più lunga di me...

      Elimina
  4. Ma tutto solo in un edeficio?
    Oddio, lo sai che da insegnante stramazzo? Addirittura chiamava e non sentivano
    Ma loro l'obbligo della vigilanza non ce l'hanno? Tacendo di tutte le implicazioni etiche e pedagogiche...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho idea. Considera che qui a 6 anni vanno a scuola da soli, forse hanno concetti di autonomia diversi dai nostri... davvero non lo so!

      Elimina
    2. Io insegno alle superiori e a volte certe cautele mi paiono eccessive (quando ero incinta ehm ho più volte rischiato perché dovevo aspettare l'operatore per andare in bagno). Qui non stiamo parlando di un ragazzo quasi maggiorenne ma di un bambino. In Italia se lo studente si torce un capello son grane a non finire. Pure io andavo a scuola da sola a sei anni e mi attraversavo un corso micidiale ma mi paiono lo stesso molto leggeri.

      Elimina
  5. dubito che esista un aspetto positivo, soprattutto visto che il bambino stava anche male!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa notte si è lamentato nel sonno di continuo... chiamava mamma... che strazio :(

      Elimina
  6. Sti crucchi saranno pure puntuali, precisi, onesti e bla bla bla, ma si può dire che questa maestra è proprio stronza? Scusa il francesismo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La odio dal primo momento che l'ho vista. Se poi ti dico che è quella che si è persa Fede alla festa delle lanterne... ho detto tutto

      Elimina
  7. no, questa proprio non la posso capire. e non c'entra l'essere chioccia o meno... ma son scemi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, appunto. boh... o forse siamo noi eccessivamente protettivi? non lo so!!!

      Elimina
  8. Scusa non ho ben capito nemmeno io? Era completamente da solo? in uno spazio distaccato dal resto dell'asilo?
    Non per aggiungere sconforto a questa già delicata situazione, ma se così fosse non si tratta solo di poca sensibilità, ma anche di un altro sistema di regole, che sinceramente mi lascia perplessa.
    Pacche sulle spalle a te e abbracci al piccolo, e auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, la sua classe è in un edificio distaccato. Loro sono usciti tutti per andare in giardino, e lo hanno lasciato lì perchè non stava bene. "Non potevo fare altrimenti", mi ha risposto la maestra. Certo, mi immagino...

      Elimina
  9. Cambiano i paesi ma le "educatrici" stronze mi sa che sono una razza intercontinentale!!!
    Ammiro la tua pazienza e comprendo la difficoltà di resistere alla tentazione di picchiare la cretina che lascia un bimbo così.
    Mi dispiace tanto. Essere lasciati soli e veder andare via tutti è uno dei peggiori ricordi che ho delle elementari. Dagli un bacione da parte mia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! anche mio padre ha detto che l'avrebbe picchiata! ti confesso però che più che la pazienza è stata la lingua che mi ha bloccato. Fare una sfuriata in italiano sarebbe stato pressocchè inutile, e in tedesco non riuscivo a mettere in fila 2 parole, tanto ero arrabbiata!

      Elimina
  10. Ma scusa, e per quale motivo l'avrebbero isolato in quel modo? Perchè non contagiasse gli altri?? fammi capire. SIamo matti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non per quello. Perché in giardino non volevano portarlo visto che stava poco bene. Ovviamente portarlo nell'edificio principale o in un'altra classe sarebbe stato troppo furbo...

      Elimina
  11. Strapazza Dede di coccole e di mazzate la mestre!!!
    Questa cosa non è tollerabile a nessuna latitudine!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dede ha dormito con me nel lettone! ora è qui a casa e felicissimo :D

      Elimina
  12. Sono basita...provo ad immaginare come debba essersi sentito Dede da solo lì dentro...e mi viene la pelle d'oca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, per fortuna sono arrivata subitissimo... se ne era appena accorto.

      Elimina
  13. Bene! Fine dei luoghi comuni su italiani vs tedeschi!

    RispondiElimina
  14. Sono pazzi? Un bambino lasciato da solo che aspetto positivo può avere?!? Mi monta una rabbia per te, per voi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :( e oggi la direttrice non c'è stata per tutto il giorno...

      Elimina
  15. Cara Rachele, tu non sei cieca e non sei chioccia, sono loro che sono tedeschi!
    Qui in Italien, nel peggiore dei casi, trovavi il bambino seduto vicino ad una bidella, in abito da bidella, che gli diceva di massaggiarsi la pancia, perchè diciamocelo, magari come servizio scolastico facciamo pena, ma non ho mai visto lasciar abbandonato un bambino che sta male a se stesso (almeno io!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Glielo stave per dire, alla maestra!!! poi ho immaginato che se mi avesse risposto "e allora perchè non sei in Italia?" non avrei potuto più ribattere... e ho preferito tacere

      Elimina
    2. Io ti ho detto In Italia perchè conosco l'Italia, ma per essere umani e comprensivi per fortuna si può essere anche spagnoli, francesi, marocchini, eccetera, eccetera, eccheccavolo! Diglielo la prossima volta!

      Elimina
  16. ma che….già non condivido troppo la sediolina del pensiero (preferisco il dialogo, ma vabbe', so che a volte le maestre son cariche di stanchezza), ma…ma…a che razza appartengono?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheh! quella maestra lì, nella fattispecie, ad una razza molto, molto brutta e altrettanto famosa...

      Elimina
  17. Questa cosa non mia e neanche a me....sti crucchi so proprio crucchi :-((( hai tutto il mio sostegno amica cara!!! Tua francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! mi scoccia solo non aver risolto niente oggi! uff...

      Elimina
  18. immagino la stanchezza e la desolazione ma, e qui la sparo, cambiare asilo? da quel che ho capito non siete lontanissimi da quello di mia figlia. Noi ci troviamo stra bene e la direttrice è un tipo splendido. Magari parlandole dei problemi che ha riscontrato Fede può far scorrere un po' la lista. C'è sempre il punto interrogativo del posto libero ma tentar non nuoce :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non gli cambiano classe ti chiederò dettagli, grazie! per il momento chiederò che venga messo con Marco. Le sue maestre sono deliziose!

      Elimina
  19. mi associo ai commenti...non vedo l'utilità di lasciare un bimbo che nn sta bene da solo consapevole già dei priblemi che riscontra nell'inserirsi.ma le bidelle, ops operatrici scolastiche...non esistono lì?anna


    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ci sono. Hanno 3 maestre per classe, con classi di 12-13 bambini, 2 cuoche e le signore delle pulizie che arrivano alle 17. Penso che le bidelle non servano...

      Elimina
  20. No, ma aspetta, fammi capire...ma la direttrice che ti ha detto?!?!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente, non c'è stata per tutto il giorno. Ormai mi porto il nervoso fino alla prossima settimana >:(

      Elimina
  21. Pensavo fosse un tuo incubo... DAVVERO è sucesso?!?!
    O_O
    Cmq sto riguardando HEIDI con Elisa e in effetti questi loro comportamenti non ci dovrebbero più sorprendere visto che la Sig.ra Rottermeier aveva vietato ad Heidi di parlare o anche solo di pensare alle sue montagne e di non piangere (ma si può vietare a qualcuno di non piangere? In realtà anche a me una tedesca vietò di piangere....)
    Se deve sgridare Clara le dice: Signorina CLara, Lei mi disobbedisce?
    Si, io le disobbedisco. (ecco perchè niente scenate, mica urla come un'ossessa la Sig.ra Rottermeier
    Cindy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la nonna di Clara era tedesca, però, ed era di tutt'altra pasta! ;)

      Elimina
  22. Ma quale pensiero contorto ha portato queste insegnanti a comportarsi così? Cerca di capirlo e di far capire loro che sei estremamente contraria a ciò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella insegnante in particolare mi ha sempre trasmesso un senso di freddezza e menefreghismo verso i bambini. Credo faccia il mestiere sbagliato, tutto qui. Purtroppo è la responsabile della classe di Fede, e ha sempre l'ultima parola su tutto. E' per questo che voglio fargli cambiare classe, non vedo possibile alcun miglioramento

      Elimina
  23. Non voglio infierire, ma... e se si fosse fatto male, visto che era anche spaventato, come si dice in tedesco? Con parole che non conosco, ma il significato è lo stesso.
    Il minimo è cambiare classe, ma farei un pensierino anche a cambiare scuola.
    E te lo dice una che pensa che noi italiane siamo troppo chiocce! Un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Povero Dede! mi dispiace tantissimo.

    RispondiElimina
  25. Cavoli ma che spavento, poverino! Stavo giusto per chiederti se era la stessa dell'episodio del bosco, e ho visto nei commenti che e' proprio lei, la maestra incriminata. No dai non si fa...questra deve darsi una regolata! Scrivi alla scuola, infatti, che sta cosa va chiarita...Abbraccioni

    RispondiElimina