venerdì 20 settembre 2013

Cose dell'altro mondo

Mamma aveva intuito di essersi trasferita in un altro mondo.
L'aveva intuito quando ha visto le macchine rispettare i limiti di velocità anche nelle campagne sperdute, anche quelli indecenti tipo 30 km/h nei centri abitati, e ne ha avuto conferma quando i segnali stradali l'hanno perfino ringraziata per non aver accelerato.

L'aveva intuito quando ha visto al confine con l'asilo un campo di fiori "self service", e ne ha avuto conferma quando una passante le ha indicato il coltellino da sempre a disposizione dei clienti, il salvadanaio per pagare alla mercè di tutti e un misero foglio sbiadito con il prezzo suggerito per ciascun fiore.

L'aveva intuito non trovando nemmeno un ricordino di cane in giro, e ne ha avuto conferma quando ha notato in ogni parco le buste gratuite per la raccolta dei simpatici prodotti canini.

L'aveva intuito anche quando ha notato che nessuno suona il clacson, per nessun motivo al mondo, e questo rende la guida crucca molto più rilassata.
Un altro mondo.

Ma poi si è fermata ad un semaforo rosso, e si è messa a cantare con i bimbi.
Si è messa a cantare e ha dimenticato di guardare il semaforo.
Nella sua vecchia Milano c'è sempre qualche automobilista che si premura di segnalarti il verde con un concerto in la minore, ma in questa landa troppo ben educata nessuno si azzarderebbe, e allora succede che Mamma si è ricordata di alzare gli occhi solo quando era appena scattato di nuovo il rosso.
Una fila di auto si snodava silenziosa e composta dietro di lei, e Mamma sarebbe scesa a scusarsi con ciascuno degli automobilisti, rossa per la vergogna.

Ora, un breve pensiero cova abbozzato nel profondo del suo cuore italiano.
Ma questi crucchi... secondo voi sono normali o sono mossi da qualche barbiturico di quelli pesanti?

35 commenti:

  1. Risposte
    1. Lo stesso che gli tiene sedati i bambini nei supermercati! ;)

      Elimina
  2. Credo che la permanenza lì, ti chiarirà le idee.
    Facci sapere, poi! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credo sia un contagio: a vivere fra la gente corretta non puoi che comportarti così!

      Elimina
  3. Ahimè mi tocca dire che l'altro mondo è meraviglioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo. Non sono esterofila a tutti i costi, ma certe cose se non le vedi non ci credi!

      Elimina
  4. E se fosse proprio questa la normalità?.... e quella italiana maleducazione? Bisogna sempre guardare le cose da un altro punto di vista. ;-) M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maleducazione, menefreghismo, "furbizia"... qui sembra che non sappiano nemmeno cosa siano.

      Elimina
  5. Mah io che ho vissuto un po' all'estero credo che la normalità siano loro!
    Cindy
    p.s. spolvera il corso di tedesco perchè tra Diese Woche e Naechste Woche c'è differenza (riguardo alla riunione dell'asilo!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A mia discolpa: loro hanno detto proprio HEUTE, perchè entro quel giorno bisognava comunicare il nome dei genitori che partecipavano. Io ho capito solo "oggi"... tutto il resto mi sa che l'ho perso da qualche parte ;)

      Elimina
    2. AHAHAH vogliono una settimana prima il nome di chi partecipa???
      ^_^
      SO proprio tedeschi!

      Elimina
  6. Quando leggo queste cose, penso proprio che la maleducazione è insita in noi e ci vorrà moooooolto lavoro e buon senso affinchè le future generazioni riescano a liberarsene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Velma che temo che non ce la faremo mai? mi sembra che le cose in Italia siano sempre peggiori... (non parlo di politica, ma proprio di maleducazione)

      Elimina
  7. Quando leggo i tuoi racconti dell'altro mondo mi viene il magone e la notte sogno me stessa e il marito M. che, nottetempo, tentiamo di varcare il confine con un bagaglio di fortuna e documenti falsi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vi aspettiamo a braccia aperte!
      Se vuoi ti mando anche una valigia delle nostre! ;)

      Elimina
  8. mah...certe cose le ho viste solo da noi :( ma tu quindi ora vivi lì??? per quanto tempo?? Sto scrivendo un articoletto sulle mamme all'estero, niente di che, eh...ma se ti va ti volevo fare un paio di domande! se ti va puoi scrivermi a bloggeradmin@mammaorachefaccio.com? grazie! come al solito i tuoi post mi piacciono molto :*

    RispondiElimina
  9. Sai Ra, credo che sia perchè da loro nessuno, mamma o no, darebbe al cantare prevalenza rispetto al semaforo: se guidi, sei nel folder "GUIDA" dove il file "CANTARE" non c'è. Se sei nel folder "CANTARE", il file "RICORDATI DI GUARDARE IL SEMAFORO" non lo trovi neanche a pagare! Lo so, sembra più bello, ma a lungo andare diventa uno scartavetramento di gonadi che non ti dico! Avere a che fare con i Crucchi l'ho trovato facile: è previsto questo, faranno questo; è previsto quello, faranno quello. Stop. Ma poi, il gusto di dover rimediare a errori e imprevisti ha preso il sopravvento e la noia regnava sovrana. Pensa che quando il meteo non prevedeva pioggia, non pioveva! E i metereologi erano italiani... Ma poi, quando arrivavano le "diciannove zerozero" e la loro mensa chiudeva, da chi andavano a mangiare quelli che, per cause non dipendenti dalla loro volontà, arrivavano dopo? Ovvio, venivano a mangiare alla nostra mensa che era chiusa, ma mica puoi lasciare senza mangiare qualcuno, vero? Se penso che una sera, mentre mangiavamo da loro, presa la carne e messici seduti, ci hanno spento la luce perchè erano le 19.00 e abbiamo dovuto finire di mangiare alla luce delle torce... Comunque confido su di voi: o Dede e Marco cambiano, o la Merkele prima o poi fara "Cucù" agli altri Capi di Stato al G8 e poi spiegerà a tutti gli usi e costumi delle lumache! M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'elasticità mentale: questa sconosciuta...

      Elimina
  10. Si va bene l'educazione ...ma questi sono a posto?

    RispondiElimina
  11. Ci sono casi in cui l'educazione sconfina nella pigrizia o inedia...
    Dovremmo imparare molto da loro e loro dovrebbero imparare da noi un po' di intraprendenza, fantasia ed improvvisazione...che ne dici?
    Comunque senza clacson si sta meglio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però dopo quel giorno mi sono venuti un po' di malanni... sarà che non me ne hanno tirate tante a quel semaforo! in silenzio, eh, ma funzionano lo stesso

      Elimina
  12. mi nipote di vent'anni è stato 4 mesi a londra a lavorare (uomo tuttofare nella cucina di un pub). Quando è tornato sono andata io a prenderlo all'aereoporto. Appena sceso dall'aereo le sue prime parole sono state: "è incredibile là .... funziona tutto!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, questo è anche quello che continuiamo a pensare noi ogni volta che qualcosa funziona come dovrebbe!

      Elimina
  13. ma infatti, ma questi non ci stanno con la testa...per forza poi che alle 17 in punto devono andare a sfogare la frustrazione alla Stube! Oppure mi confondo con gli inglesi?
    Comunque che meraviglia i fiori self service! In UK alcune fattorie fanno lo stesso con le uova e la frutta e verdura, e' proprio un'idea carina :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui ci sono i beer garden, ma non è come in Inghilterra, sono soltanto in pochissimi che vedi al bancone da soli con la birra. Quello che è assurdo è che non credo che siano nemmeno repressi, sti crucchi! sono educati di natura! :)

      Elimina
  14. Che meraviglia!!! Sarà che comincio a non sopportare più questa città, l'inciviltá delle persone, la cafonaggine, i marciapiedi sempre rotti, il traffico, l'immondizia in mezzo alla strada, la puzza di smog, il lavorare gratis e la mia lista potrebbe continuare ancora a lungo:-(((

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si comincia così Franci... e dopo qualche anno si finisce con l'espatriare! inizio a cercarti una casetta vicino a noi? ;)

      Elimina
  15. camminare sensa dover evitare la pupù dei cani... questo è un mio sogno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheh, sapessi che goduria! con tutte quelle che abbiamo pestato a milano...

      Elimina
  16. Eh, si sta bene in Germania, si sta proprio bene... con Clara abbiamo messo su un'iniziativa per provare le ricette, partecipi? Dai su, passa da me ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho vista, l'ho vista! idea carinissima!

      Elimina
  17. A Roma ti avrebbero ucciso per molto meno!
    Segnali stradali che ringraziano... sicura che fossero veri o t'eri presa qualcosa pure te? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! No, a Roma e Milano non sarebbe mai successo... figurati, dopo un istante ti hanno già suonato!
      I cartelli che ringraziano lo sai che sono stupendi? Ormai quando non lo fanno ci rimango male, sono un ottimo incentivo per rallentare!

      Elimina