mercoledì 11 settembre 2013

Al cruccasilo

Mamma ha iniziato l'asilo lunedi.
L'ha iniziato anche lei, visto che l'attività la sta coinvolgendo anima e corpo e a tempo pieno, con tutto lo stress che ne consegue. 
Perchè chi dice che l'asilo non è stressante è soltanto perchè se lo è dimenticato, parola di Mamma asilo-ripetente.

Due mattine di asilo dunque, e due ingressi in ritardo.  (Metterà pure i calzetti sotto i sandali, ma l'italianità radicata nel suo midollo viene fuori nonostante tutto)
In quelle due ore di permanenza in classe, Dede le si arrampica addosso nemmeno fosse una pertica, e non la molla un istante. Ma Mamma è ottimista, perchè ci sono ampi margini di miglioramento: peggiorare al momento sembrerebbe impossibile.
Macco invece parla italiano indistintamente e risponde alle domande a caso, curioso e divertito dalle reazioni che sortisce.
Mamma fa da spola fra un'aula e l'altra, e gioca a biglie con uno e agli animaletti con l'altro, quasi ignorata dalle maestre con cui non riesce a mettere in fila più di sei parole.

Ma è stata brava Mamma: ha imparato il nome dell'asinello e quello del cucciolo di leone. Non chiedetele della scimmia però, perchè lì non ha capito niente.
E' stata brava anche quando ha risposto alla domanda di Julie, la compagnetta di asilo di Dede, che si sa, a 4 anni parlano proprio male. 
"Io mi chiamo Rachele!", le ha detto, senza rendersi conto che alla bambina non interessava neanche lontanamente sapere come si chiamasse. 
E' solo dalla sua espressione che Mamma ha capito che no, forse non le aveva chiesto il suo nome. 
E dunque, osservata come una mera imbecille, Mamma ha capito che doveva semplicemente dirle l'età di Dede, cosa che ha poi fatto con la coda fra le gambe. Perchè per un bambino non esiste un adulto che non capisce la sua lingua: esiste un adulto che non capisce. Punto.

Ma noi adulti lo sappiamo che la colpa non è di Mamma! Perchè si sa: i bambini di 4 anni parlano proprio male... Vero?

27 commenti:

  1. certamente! a volte io non li capisco neanche in italiano, per dire...
    fatti forza... non ti invidio... ma neanche un po'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, per questo non mi invidio nemmeno io!
      Ma ti racconterò di cose che voi umani non potete neanche immaginare...

      Elimina
  2. Non vedevo l'ora che arrivasse il primo post sul Cruccasilo. Mitica come sempre, secondo me sono i bimbi crucchi che non si spiegano bene ;-) - Grande Dede!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l'asilo siamo ancora in fase di inserimento, spero di potervi raccontare molto di più!
      Sti bambini crucchi sono un cruccio! Ahahah! (scusa, battuta terribile...)

      Elimina
  3. Rachele, sei il mio mito. I Brambillen presto impareranno il tedesco e tu imparerai da loro. No? Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Speriamo! Perchè se invece loro lo impareranno da me, allora siamo fritti!

      Elimina
  4. Tranquilla Rachele......è tutta colpa dei bambini che parlano male......o che semplicemente parlano.....dannata curiosità infantile!!! ;-)
    Sei la mia dose di buonumore della giornata......mitica!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E c'hai ragione! Ogni volta che quella bimbetta mi si avvicina con la faccina pronta a parlare mi viene solo voglia di scappare!!!! Ma non può farsi un po' i fatti suoi?!? ;)

      Elimina
  5. Guarda poco fa, la mia Piccina di 4 anni, dopo che gli ho svitato il tappo del succo mi ha detto: "Mamma sei fottuta"...... Intendeva dire: "Mamma sei forzuta".....,ma tant'è!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Qui in terra crucca invece forzuta sono io... no, volevo dire fottuta :(
      Ciao cara!

      Elimina
  6. Eccerto cara .... io i miei nani di quattro anni mica li capisco sai???? :D ...e comunque l'hai ben detto sorella ... si puo' solo migliorare !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)))
      Devo assolutamente imparare a dire a questi crucchini "ripeti meglio, non si parla così", almeno salvo le apparenze!

      Elimina
  7. :)
    ma da quanto tempo stai in Crucchilandia?
    Pensa che in Olanda l'adattamento era: primo giorno mattino lascia bimbo, vattene, torna dopo 4 ore. Seocndo giorno pomeriggio lascia bimbo vattene, torna dopo 4 ore. Terzo giorno mattino lascia bimbo tutta la giornata. Gulp. Aveva 4 mesi, mi domando se facessero lo stesso con bimbi inseriti più grandicelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono esperta, ma da quello che ho visto più sono piccoli e più è facile.
      Il metodo olandese è sicuramente sconvolgente per la mamma! :)

      Elimina
  8. Oh povera Rachele mia!!! circondata da 4enni che parlano male eheheh :-)))
    Se ti può consolare, io non avrei imparato neppur ei nomi dell'asinello e del cucciolo di leone!!!
    Coraggio amica cara! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi consola e mi fa sentire bravissima! Grazie! :)

      Elimina
  9. I tuoi figli impareranno il tedesco in men che non si dica...anzi, diventeranno perfetti bilingue!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai Kike che mi sembra impossibile? Lo so che succederà in fretta, ma al momento mi sembra un traguardo lontanissimo!

      Elimina
  10. Avere margini di miglioramento è positivo ;)
    Ti ammiro molto, ma davvero, non riuscirei mai ad imparare il crucchese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna guardare il bicchiere mezzo pieno, giusto? :)

      Sono qui da 3 giorni e già mi viene il nervoso che non l'ho ancora imparato. La pazienza non è la mia virtù migliore...

      Elimina
  11. "per un bambino non esiste un adulto che non capisce la sua lingua: esiste un adulto che non capisce. Punto." Ecco mi metterebbe un po' di ansia un bambino che mi guarda così. Imparerei a dileguarmi... (che in mezzo a bambini quattrenni un adulto si nasconde benissimo!)

    RispondiElimina
  12. Consolati e godi così : mia suocera qui in Italia ha il compito (impartito dalla sottoscritta) di parlare a Grilletta auf deutsch...perché ? Be' prima di tutto perché così le facciamo un favore per il suo futuro e non dovrà far fatica ad imparare una lingua che facile non e' ...in secondo luogo perché non posso pensare che mi figlia, quando si chiude le dita sulla porta di casa, potrà un giorno dire "ahi mamma,mi si son chiusi i dita nel porta!" tu capisci che potrebbe venirmi n pelo di nervoso.....per cui,come ben vedi, nonostante la nonna sia qui da 25 anni (25!!!!!!!) l'italiano non rientra ancora nelle sue corde,fatti forza assolutamente!vedrai che si tratta solo di entrare nel loro meccanismo mentale e linguistico,poi tutto ti scivolerà velocemente e potrai pure chiamare la scimmia per il suo soprannome o dargliene uno tu! Propongo Cita ;-)

    RispondiElimina