giovedì 5 settembre 2013

A Milano

Ed eccoli a Milano in formazione completa, i brambilla.
Il posto dove l'estate è ancora tosta e si suda di giorno boccheggiando la notte.
Il posto dove cedi il passo alla macchina in direzione opposta alla tua e anziché ringraziare vedi che sta imprecando contro di te per oscuri motivi.
Il posto dove la signora delle mozzarelle è capace di non fare un sorriso nemmeno per sbaglio nonostante le battute di Mamma e di un'altra cliente.
Il posto dove si accumulano le bollette e i solleciti di pagamento, dove l'Agenzia delle Entrate le ha mandato un ultimatum vano, visto che lei era fuori città, e ora le toccherà pignorare la macchina per saldare la sanzione.
Il posto dove la vicina di casa ha partorito una bimba e nessuno nel palazzo sapeva che fosse incinta.

Eccoli a Milano, i brambilla.
Ma per fortuna, questa volta, soltanto per poco!

20 commenti:

  1. Sono contenta di non viverci, a Milano, soprattutto dopo la tua descrizione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io sono contenta di non viverci più! :D

      Elimina
  2. ... pensa il mio trauma 11 anni fa arrivando da un paesello alpino... i primi mesi a Milano furono terribili.
    Ora sono appena fuori Milano e va già meglio...
    scappa, appena riesci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei primi 10 anni a Milano sono stati terribili! eheheh!
      scherzo, non voglio esagerare ma ti comunico che siamo già scappati lontano! :)

      Elimina
  3. Maledetta Agenzia delle Entrate! Dai che ci resti poco poco. Buon rientro in tedeschilandia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava. Come si fa a dare gli ultimatum a cavallo di agosto?!?

      Elimina
    2. Perchè i poverini che restano a lavoro devono vedere come sfrantumare a chi sta in vacanza! Credimi per lavoro li conosco bene i maledetti!

      Elimina
  4. solidarietà per la AE.. è un incubo estivo... però fantastico vivere a milano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già mi avevano tampinata in primavera. pensavo bastasse!
      Si vede che gira voce che sono un grandissimo evasore incallito... in fondo le tasse, da disoccupata, non le pago ;)

      Elimina
  5. Odio Milano e sto cominciando ad odiare anche Roma!!!! Voglio andare a vivere in campagna!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah... ah ah...
      vieni in Germania, dai che ci divertiamo!

      Elimina
  6. Lo shock ti serve per apprezzare i crucchi!!! :-)
    Buon rientro...

    RispondiElimina
  7. eh, ma pure nelle villette a schiera della Wysteria Lane del borgo pedomontano nessuno sa niente di nessuno (tranne DH che spia le finestre dei dirimpettai, ma comunque lui e il suo fine sesto senso credevano che la tipa dirimpettaia fosse solo grassa O_o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah! lo capisco DH, anche io sono curiosa come una scimmia!

      Elimina
  8. Qui nel mio paesello, al contrario, appena una è incinta lo sa tutto il paese..... ci sono fughe di notizie da tutte le parti. A volte preferirei abitare in città dove non ti guarda nessuno. Ci sono i pro e contro come al solito. Le bollette però arrivano anche qui... avevo la cassetta della posta piena! uffi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, vivere "in piazza" deve essere comunque parecchio stressante... qui, al contrario, è alienante

      Elimina
  9. Tutto il mondo è paese: anch'io andavo in un supermercato dove le cassiere non ridevano mai delle mie bellissime battute...ho cambiato supermercato! ;) E anche qui, paese non piccolissimo, c'è chi sa tutto di tutti e chi si fa i fatti suoi e non sa mai cosa è successo. Ce la puoi fare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun problema Alice: 2 giorni ancora resisto senza problemi!!! e poi VIAAAA!!!

      Elimina
  10. Ti dovrebbero assumere per incentivare il surplus della popolazione milanese verso una sana e organizzata emigrazione :-D. Grandissima!! Buon rientro in Germania, buon per voi!! Baci

    RispondiElimina