giovedì 3 dicembre 2015

Che cosa è importante

Io e lui passiamo il mercoledì insieme.
Questo è l'ultimo anno che posso permettermi tali fughe d'amore, così ne approfitto per tenerlo a casa con me.
Ieri mattina, al parco, Marco mi propone di andare sull'altalena insieme. Purtroppo i miei due maglioni, più la giacca a vento, più la sciarpa, me la fanno andare un po' strettina (sicuramente non è colpa di quei 4-5 chili di troppo!).
Così mi siedo a cavalcioni sull'altalena, facendolo illuminare per la sorpresa.
"Buona idea mamma! Mi ci metto anche io!"
Rispondo che non gli conviene, perchè in quel modo non riesce a spingersi…

"Ma non è importante spingersi  mamma!" esclama lui sedendosi a sua volta a cavalcioni sull'altalena, "L'importante è questo!" e ride.
Si spinge avanti e indietro e viene addosso a me, che faccio altrettanto.
Iniziamo a giocare così cercando di afferrarci, a dondolare di traverso e a ridere.
"Lo vedi mamma? E' solo questo l'importante!" dice fra le risate, "Questo capisci?" e ride più forte, per ribadire il concetto.

Di fronte alla grande lezione di un minuscolo bambino, taccio e imparo.

4 commenti:

  1. Lo chiamano costruire ricordi felici :-)

    RispondiElimina
  2. Super super super!!
    Tenero, saggio, dolcissimo... Che cosa si può voler di più??

    RispondiElimina
  3. Ha il sapore di una scena di un film che nel guardarla ti commuovi.

    RispondiElimina