lunedì 23 gennaio 2017

Un macabro gioco

Ieri sera ho letto un bel necrologio, di quelli che pensi che veramente il mondo ha perso una persona speciale.
E stamattina, mentre cambiavo le lenzuola ai bambini, ho immaginato il mio, di necrologio.

"E' mancata all'affetto dei propri cari Rachele.
Conosceva a memoria tutti i testi delle canzoni, comprese quelle dello Zecchino d'Oro, ma di Storia non ricordava niente.
Sapeva essere dolcissima e a volte una vera strega-comandacolor.
A volte simpatica, a volte pungente e acida.
Qualcuno la amava, qualcuno no.
La rimpiangono i suoi cari per la rachi-pizza, di cui aveva affinato la panificazione con gli anni, e i suoi grani di kefir, che curava con abnegazione e che senza di lei finiranno in pattumiera.
Amava Carramba che sorpresa e inzuppare i biscotti nel latte di riso."

E ora immagina il tuo.
Se pensi che il mondo intero, forse, non ha poi perso tantissimo dalla tua dipartita, hai due possibilità.
Cambiare vita, viverla al massimo, dare sempre il meglio lasciando tracce uniche del tuo passaggio,  oppure non morire mai.

E' che a volte la seconda soluzione sembra molto più semplice da realizzare…

10 commenti:

  1. Oddio dovrei pensarci bene....... che ansia!!
    Dai ci provo e torno :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah! No, perché ansia!
      Ok aspetto :)

      Elimina
  2. stai serena che appena i bimbi cresceranno un attimo ti sparerai un ripassone di storia che nemmeno quando studiavi tu la sapevi così bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi, ripasso spesso da sola alcune cose che reputo importanti da ricordare. Passano due giorni e ho di nuovo resettato la memoria! E' più forte di me!!!! :D

      Elimina
  3. E' mancata all'affetto dei suoi cari la Puffola, madre affezionata ma semi-isterica e moglie devota ed appassionata. Di lei si ricordano i suoi improbabili tentativi culinari, la ineluttabile disorganizzazione, l' incrollabile fiducia nel prossimo e nel futuro, e la convinzione che l'amore conta più di tutto. Ci mancheranno i suoi vestiti a volte un po' troppo colorati, i capelli sempre arruffati e la sua anima infinitamente nerd. Conosceva a memoria Harry Potter e Via col Vento e non aveva mai deciso quale genere musicale preferisse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahha! :D
      Fantastico!!!
      Certo che puoi rubare il giochino!

      Elimina
  4. come ti pare ?? ahahahah
    Posso rubarti il giochino???

    RispondiElimina
  5. Io ci scherzo su parecchio sulla mia - speriamo - futura diparti, però all'auto-necrologio non ci avevo mai pensato!
    Penso che i miei figli potrebbero scrivere una frase lapidaria tipo: finalmente tace!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tzè… maschi!
      E tu li freghi: preparatelo tu così avrai l'ultima parola pure da defunta :D :D :D

      Elimina
  6. Dopo che ho letto quello della Puff, non potevo non venire qui dall'ideatrice e come di la, anche qui sorrido a leggere ma, come dicevo di la, sono una scaramantica senza rimedio e al mio non riesco proprio a pensare.

    RispondiElimina