mercoledì 25 luglio 2012

Non svegliare quella bimba

Dopo aver lasciato i bimbi all'asilo per tre ore ieri mattina, Mamma si è detta che in fondo non ce n'era bisogno, visto che ormai era abituata a questa simbiosi totale con loro e non le pesava nemmeno troppo.
Poi li ha riportati a casa, e ha scoperto che non avevano la minima intenzione di fare il riposino pomeridiano. Cosa che non sarebbe nulla di che, se non fosse che senza il riposino non arrivano a sera come esseri umani.
E infatti.
Mentre loro giocavano, ad un certo punto Mamma ha avuto l'ardire di chiudersi in bagno.
Ho detto proprio così: chiudersi! Cosa mai fatta prima in tutta la loro esistenza, e la reazione non ha tardato ad arrivare.
Dede urlava impazzito dietro la porta, cercava di spegnere la luce per stanare la fuggitiva, senza considerare che essendo ancora giorno la cosa non sortiva l'effetto sperato.
Quando Mamma è uscita, dopo la bellezza di un minuto e mezzo, era stravolto dalle lacrime.

Lei lo ha preso in braccio e l'ha consolato, spiegandogli che non era successo proprio niente di così drammatico e che la cosa non meritava tutto quel chiasso.

Lui ha reagito singhiozzando che papà non faceva mai così, e che papà era molto meglio di mamma.
E che lui voleva solo il papà, perché gli voleva più bene.
AL PAPA'!

Da quel momento in poi Mamma ha dovuto seguire tre bambini per tutto il resto della giornata: i suoi due figli e la bambina che si è prepotentemente impossessata di ogni suo raziocinio.

Dapprima si è rifiutata di pulirgli il culetto dicendogli che l'avrebbe fatto il papà, la sera non gli ha letto la fiaba della buonanotte facendolo fare al padre, e quando lui le ha chiesto le coccole, si è concessa un istante e poi lo ha gentilmente invitato ad andare dal genitore a cui voleva più bene, ossia il padre.
Si è sentita un verme, ma la gelosia si è impossessata di ogni briciola di ragione, di maturità, di senno, e l'ha portata dritta dritta al livello del bimbo di quattro anni che l'ha profondamente ferita.
"Perchè tu segui tutte le regole, invece papà no", si è giustificato poi il mostro, facendo impallidire tutte le puericultrici che dicono di essere coerenti e dare regole ferree.

"E l'hai pure allattato, l'ingrato!" direbbe la bisnonna con piena comprensione per Mamma.

Lui, sangue spremuto dal mio cuore, sospiro di vita per la mia anima, primo e grandissimo amore della mia intera esistenza, dice una frase per dispetto, e mi distrugge.
L'adulta sa che non è vero, sa che il cuore di Dede batte all'unisono con lei e che ha il primo posto assoluto nella sua vita, baciata dalla punta dei piedi fino ai capelli, ma la bambina è ancora qui che piange, delirante di gelosia, offesa a morte per l'affronto subito.
Svegliata da chissà quali antichissimi ricordi.

Ieri notte Mamma si è sdraiata accanto al suo cucciolo ingrato, e l'ha coccolato piena di amore, lasciando uscire tutto il male che inconsapevolmente le ha fatto; ha coccolato e rassicurato anche la bambina ferita, lasciandola tornare piano piano là da dove era venuta, facendola addormentare serena, tornando padrona di sé.

Fino alla prossima volta.

14 commenti:

  1. Ti uccidono, questi figli.
    Sempre e comunque.
    Reazione perfettamente comprensibile, la tua, comunque :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che mi dici così, mi sentivo tanto infantile a prendermela con un bambino!

      Elimina
  2. Tranquilla, Edipo non mente. Alla fine tornano sempre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah! meno male che c'è Edipo allora!

      Elimina
  3. Piena solidarietà! Ogni tanto a me capita nei confronti di mia suocera che, pur di non contraddire il nipote, gli promette cose che poi già sa che non manterrà e io mi arrabbio da morire. E allora gli faccio notare che la sua mamma noiosa e rompiscatole è anche l'unica che gli dice le cose come sono, perchè io odio le "bugie a fin di bene" e fingersi accondiscendenti. Non pretendo che lo si tratti da adulto, per carità, ma neppure essere sempre io a fare la parte della cattiva e lei ad uscirne come una santa. Insomma, ogni tanto anche la mia bambina esce per far rispettare quei due sentimenti che si ritrova, magari è male ma umano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, che fastidio quando devi fare il cerbero e gli altri si prendono tutte le parti divertenti! A volte anche a me piacerebbe essere quella che lo vizia e basta.
      Dai, quando saremo nonne sarà il nostro turno! :)

      Elimina
  4. Ci sono momenti in cui i figli hanno bisogno del papà, ma è solo perchè la mamma è un porto già sicuro.
    Avrai modo di verificarlo, vedrai. :)
    E poi, insomma:
    "la mamma è pur sempre la mamma" e
    "di mamma ce n'è una sola!"
    Nel caso ti servisse, ripensa a questi luoghi comuni, non sono poi così falsi!;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giusta considerazione la tua la mamma e' comunque un porto sicuro tanto che ci si puo' permettere il lusso di dimenticarselo

      Elimina
    2. Si hai ragione. Lo so, lo so, con la testa so tutto! :)

      Elimina
    3. PS
      Prima una "usurpatrice" si è loggata con il mio nick e ha così commentato! Il mistero è stato presto risolto: si è semplicemente collegata con il pc dove avevo salvato la mia password, senza accorgersi! :)

      Elimina
  5. Dai che lo sai che i tuoi figli maschi sono per mammà! Pensa che io ho una figlia che a 3 anni ha già capito come conquistarsi il padre e fare fessa la madre, me?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono la regina dei loro cuori per ora, è vero!
      me lo dicono anche le mie amiche mamme di femmine, che già così piccole fanno tutte le svenevoli col papà! :)

      Elimina
    2. Ma cosi svenevole che ti fa venire un nervosoma un nervoso....

      Elimina
  6. A casa nostra va come tira il vento: a volte è meglio papà e a volte sono meglio io. Sai, la par condicio...

    RispondiElimina