venerdì 8 febbraio 2013

L'occasione fa l'uomo ladro

Oggi era la giornata ideale: freddo quanto basta, sole, cielo azzurro, poca gente in giro.
Mamma ha fatto la sua lezione, e a sorpresa ha ricevuto pure l'applauso dei ragazzi.
Queste sì che sono soddisfazioni!
Dede ha dormito per tutta la seconda metà della notte, sancendo l'inizio della fine del tormento varicella, che con lui ha imperversato alla grande.
Mamma aveva anche perso il portafoglio nel portone di casa, ma il vicino di casa glielo ha riportato dopo pochi minuti.
Nessun motivo dunque per non essere felici.
E infatti Mamma lo era.

Poi ha avuto una lezione di vita: il portafoglio restituito era vuoto.
Ma Mamma è una piccola ingenua, e si è stupita di ciò.
E' talmente piccola e ingenua che ci è pure rimasta male. Non riusciva a capire come si potesse fare una cosa del genere o anche soltanto pensarla.
Insomma, uno si distrae un istante, perde un oggetto che è chiaramente suo, davanti alla porta di casa, e la prima persona che passa se ne approfitta.
"Ma dove vivo?" si è domandata come una marziana appena atterrata sulla Terra.
Si, perchè i fazzoletti e gli assorbenti per terra, la bicicletta scassinata, lo stemma della macchina rubato, il piccolo Teddy sottratto sotto il naso, insomma tutte queste cose erano comunque "lontane", anche se nel quartiere.
Ma il portafoglio caduto davanti alla porta di casa non è "lontano".
E' il vicino di casa, è il nonno di un bambino dell'asilo, o l'imbianchino che ti sorride tutte le mattine, è la signora delle pulizie, quella che porta giù il cane o la custode del palazzo.
Sono i tuoi vicini di ogni giorno, e non riesci più a guardarli come prima.

Caro ladro,
oggi hai perso l'occasione di essere una persona onesta, sebbene forse ti senta bravo per non avermi preso il bancomat.
Tu che ti credi furbo, ma sei solo un ladro, sai che cosa mi dà fastidio più di ogni cosa?
Che hai rubato le monete, ma non le monetine.
Quelle no, impicciano!
Hai aperto e scelto, guardato e violato le foto dei miei bimbi, scartato e preso.
Lasciandomi con i cinque centesimi che non vuole nessuno, che sarebbe troppo da pezzente rubare.
Quelli che ruberebbe soltanto qualcuno in vera difficoltà, perchè non farebbe lo schizzinoso. Qualcuno che ruberebbe anche il carnet da dieci biglietti dell'autobus, perchè l'autobus si abbasserebbe a prenderlo, contrariamente a te che me l'hai lasciato.
Oggi c'è il sole, mio figlio sta meglio e io sono contenta perchè ho lavorato.
Tu mi hai svegliato da questa bolla tiepida in cui galleggiava la mia vita, ma non puoi scalfire il buon umore se non per pochissimo tempo.

Spero solo che i miei soldi ti servano... e che tu li spenda tutti in medicine!

Ovviamente se poi, queste, non ti facessero proprio alcun effetto, bè... allora questa sarebbe davvero una grande giornata!


28 commenti:

  1. E se gli avessi attaccato la varicella? Magari Dede si era ben bene strofinato sul portamonete!
    Occhi aperti!
    P.S. Anche tu nottambula, eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Varicella? uh magari! e poi dicono che dia tanto fastidio da grandi, eheheh! ;)

      Elimina
  2. A volte e' come se vivessimo in uno stato di guerra, di lotta gli uni con gli altri, siam costretti a guardarci le spalle, a tutelarci anche dal vicino di casa, so di gente che dorme con il fucile vicino al letto....se non è guerra questa. Fino allo scorso mese, abbiamo parlato di un'ipotetica ed improbabile fine del mondo....ma la fine ce la stiamo costruendo da soli e non ce ne accorgiamo....che tristezza ma più che altro che paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certe volte mi viene voglia di aderire a quelle sette strane e chiudermi a vivere in un villaggio "protetto"... mah!

      Elimina
  3. Mamma mia, mi spiace. È brutto quando succedono queste cose.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, e il fastidio tira fuori il peggio di te. Forse sono stata un po' cattiva ad augurargli malattie? boh!

      Elimina
    2. Incredibile, la cosa mi fa pensare piu a un dispetto che a un ladro vero e proprio, una bravata da adolescente, certo non perdonabile. Vorrei essere un ris di parma, analizzare le impronte e incastrare il furbastro

      Elimina
  4. Che amarezza...la gente è fuori controllo e la tua minuziosa descrizione rende davvero quest'uomo/donna un poveretto/a ( d'animo intendo).
    Seguo le speranze di "Alice" una bella "toccata di varicella" ci vorrebbe...così giusto per individuare il soggetto! ^_^
    Buona giornata...e che sia buona davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sole c'è anche oggi! e per compensare ho trovato 3 euro per strada! AHAHAHAH!
      (certo, non è che compensi granché, ma è qualcosa ;)

      Elimina
  5. Magari le medicine gli provocano tutti gli effetti collaterali descritti nel bugiardino, diarrea fulminante in primis!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O magari un bel rush cutaneo nel fondoschiena!! :)

      Elimina
  6. Amaro, molto amaro. Leggevo sul blog di non mi ricordo chi, forse EroLucy, che ormai quando entrano nelle case svuotano pure il frigorifero e si portano via persino le boccette di profumo iniziate. Sembra di stare tornadno all'homo homini lupus (se mai ce ne fossimo andati). Spero che almeno i documenti te li abbiano lasciati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda, se uno è "disperato" ti prende pure il profumo iniziato. Non lo giustifico, eh?
      Invece uno che invece lascia gli spiccioli perchè impicciano è solo stronxx!

      Elimina
  7. Io gli augurerei una bella gastroenterite, per me è il massimo della cattiveria concepibile!
    Brutto Bastardo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e il rush nel sedere no, insieme alla gastroenterite? come riderei!!! :)

      Elimina
  8. Che tristezza cavoli, che poi se è uno che ti conosce con che faccia tosta s'è fregato i tuoi soldi?
    Mi spiace tanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, è proprio quello il punto! Ora ogni volta che vedo qualcuno penso che sia stato lui/lei e non mi viene più voglia di salutarlo!!!

      Elimina
  9. NOn ho parole, chiunque sia stato era una persona povera dentro, povera d'animo e fa davvero male, più questo che il danno economico..
    al nano, in un centro commerciale ad Edimburgo (perchè di gente così, ce n'è ovunque) hanno rubato il suo adorato cagnolino, addirittura dal passeggino dietro di noi per un secondo..e mentre piangeva, io pensavo a questo mondo "povero" di sogni e valori..il tuo post me lo ha ricordato. Che tristezza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto. Tristezza... però anche una puntina di rabbia!

      Elimina
  10. Che tristezza, è vero. E a volte sono le persone insospettabili a deluderci di più (non ti dico al Tempio...meglio tacere!). Se ti dovesse conoscere...che faccia tosta a guardarti negli occhi!! Mi dispiace cara ma meno male che ti hanno lasciato il bancomat, i documenti, altrimenti pensa che casino... Un bacino e buon fine settimana, in salute e felicità (per altri...non so ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, per lo meno ha avuto il "buon cuore" di svuotarlo e poi buttarlo fra le aiuole...
      Che persona gentile! ;)

      Elimina
  11. sento la tua rabbia!!!
    queste cose ti fanno sentire cattiva.....la fiducia sparisce, ti senti come violentata!
    fortunatamente i documenti non te li hanno presi....sai che rubano anche l'identità?
    buona domenica!

    RispondiElimina
  12. Che bruttoooooooooo! Non mi è mai capitato ma credo sia una sensazione assai triste, che ti lascia l'amaro in bocca al di là di quanto sia stato rubato.
    Mannaggia, ma perchè succedono 'ste cose???

    RispondiElimina
  13. Sai che anche noi abbiamo subito un furto (di bicicletta), quindi hai tutta la mia sincera comprensione.
    Il peggio dell'esperienza è che devi guardare tutti con diffidenza, hai la paura che la cosa si ripeta, vivi il disagio a casa tua.
    E' un brutto vivere, ingiusto.
    Milano è una città a rischio elevato di furti, lo ha determinato anche il console americano, credo sia vero purtroppo. :(

    RispondiElimina