domenica 18 maggio 2014

Un traguardo gioioso

Finamente il sole, dopo settimane di tempo impazzito.
Finalmente si può uscire senza che il cielo cambi idea di continuo, passando dalla bufera al sole almeno una dozzina di volte al giorno.
"Andiamo nel bosco con le biciclette!" ha proposto Mamma, incurante del fatto che il primogenito ancora non avesse mai posato le delicate chiappe di bimbo su alcun sellino.

Quando sono scesi in cortile, Brontolo aveva già sfoderato l'arsenale di monopattini e biciclette per far scegliere ai pupi il mezzo preferito, e Mamma aveva sfoderato l'arsenale di magliette, maglie, maglioncini e giacchette perché in fondo non si sa mai.
Poi ha preso la bicicletta bassa di Macco e l'ha infilata fra le gambe di Dede.
"Ora tu impari ad andare in bici e ce ne andiamo nel bosco"
E così Dede ha ceduto, senza possibilità di scelta.
Dieci minuti dopo erano tutti e quattro nella stradina fra i campi diretti verso il lago, con un Brontolo in testa, un Macco brontolante per la fatica, una Mamma sbilanciata dalla montagna di maglie, e un Dede che gridava "Yuhu!" sbandando allegramente fra l'ortica.
La domenica più bella!

Quando la sua amica Giusi mise sull'altalena il figlioletto per la prima volta, anni fa, era commossa nel dirle "Sapessi quanto ho sognato questo momento!".
Perché ci sono piccole cose che hai sempre immaginato che avresti fatto un giorno con i tuoi figli, cose talmente insignificanti che vivendo le dimentichi.
Ma quando ti ci trovi un bel giorno, inaspettatamente, ecco che ti torna in mente quel lontano desiderio nascosto e ti invade con la sua semplicità, e non puoi fare altro che lasciarti andare alla felicità.
Mamma ha sempre sognato questo momento; accompagnati dal sole, dal vento del lago, dal profumo del bosco che sboccia, i brambillen hanno avuto la loro gita in bicicletta e Mamma il suo traguardo di gioia.
Fra uno starnuto e l'altro e lo stropicciarsi degli occhi per l'allergia.
Fra un "Mamma guarda che bel fior…" e una caduta, "Mamma un topo mort…" e un'altra caduta.
Fra un "Sono troppo stanco..." e un "Vediamo chi arriva prima!"

Ora, tu che leggi, chiederai "Ma non aveva deciso di non scrivere più?"
E chi scrive ti risponde che si, è vero, questa era l'idea e lo è ancora.
Ma ogni tanto è bello farsi sorprendere da un gesto non programmato, senza pensarci troppo. E decidere che qualche volta chi li ama deve sapere che cosa succede oltralpe, a questa famiglia lontana,
che vive in un paesino sperduto al limitare del bosco, e che nonostante la distanza sta facendo un'esperienza davvero meravigliosa...








34 commenti:

  1. Non posso allontanarmi un attimo che fai gli scherzetti!
    quella delle conclusioni me l'ero persa....meno male va....che cu stanno sempre le eccezioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah neho me l'ero persa pure io, vado a leggere cos'è' sta storia....non ci provare Rachele eh?!?!?....per il resto quel momento lo sogno anch'io, lo voglio e lo pretendo e in più che arrivi presto!

      Elimina
  2. Ppfiu!!
    Meno male che Rachele c'è! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo scriviamo sui cartelli dell'autostrada? Daaaai!!! ;)

      Elimina
  3. Sorpresa graditissima!!! Un bacione

    RispondiElimina
  4. Ahahaha! Ragazze mi avete fatto ridere!
    Insomma, si, siete forti! :)

    RispondiElimina
  5. bentornataaaaa! ma quindi il tuo piccolo s'è fatto la gita lo stesso giorno che ha imparato ad andare senza rotelle? mitico!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si!!!!! Mitico davvero! ha imparato nel parcheggio sotto casa e appena si è lasciato siamo saliti tutti i bici e siam partiti! è vero che avendo già 6 anni era pure ora… ;)

      Elimina
  6. Wooow ma se tutte le volte che ci lasci poi ritorni così... Beh lasciaci e ritorna tutti i giorni!!! Hai anche le foto!!! Credo sia la prima volta eh? In ogni caso ho capito che magari è solo un ritorno temporaneo... Forse ciò che ti va è solo non avere scadenze, non avere il tormento del dover scrivere un post, ma scrivere semplicemente quando ti va, quando hai tempo, quando ne senti il bisogno... Beh, noi aspetteremo pazienti che tu abbia voglia di condividere con noi qualcosa...

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! hai proprio detto bene, stavo vivendo il blog come una cosa "da fare", e non aveva molto senso così. Grazie per le tue parole sai Maira? Sei dolcissima! :)

      Elimina
  7. Ma che bella la famiglia tutta biciclettosa!!!
    E' bello che tu abbia pensato di ritornare qui per raccontarcelo!!!
    Grassssie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :* grazie a te che c'eri a leggere!

      Elimina
  8. Sai che quella di tutta la famiglia in bicicletta è una mia fantasia da anni? NOn vedo l'ora di realizzarla!
    Sono contenta che tu abbia cambiato idea!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora siamo compagne di fantasia!!! io già non vedo l'ora di fare la prossima gita!

      Elimina
  9. Mi ero persa il post delle conclusioni...è stato un tuffo al cuore. Qualunque cosa tu decida di fare, sappi che mi mancherai...
    :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me il pensiero di non esserci proprio più non piace, perché anche a me mancate voi. Penso che ogni tanto mi farò viva!

      Elimina
  10. Non ci crederai ma anche noi ieri eravamo tutti biciclettati per la prima volta sul lungomare di Trani !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, che bello! Mi sa che fra il mio bosco + lago e il tuo lungomare vinci comunque tu...

      Elimina
  11. Sai cosa credo? Quando hai un blog da tanto tempo, diventa normale fissare i bei momenti con un post. Ricordo di aver pensato "questo lo voglio raccontare" mentre lo stavo vivendo. Poi a volte manca il tempo o la serenità per farlo. Scrivere per la gioia di farlo è la cosa più bella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è quello che è capitato a me. Ho pensato di scriverlo nel diario di Fede, poi mi è sembrato assurdo, visto che i loro ricordi sono tutti qui negli ultimi 2 anni!

      Elimina
  12. Ah, ecco, così va moooolto meglio!!
    Io ogni volta che canto in fondo al mar con i miei bimbi, mi scende la lacrimuccia perchè era una delle cose che sognavo di fare quando cercavo di rimanere incinta e non ci riuscivo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco perfettamente! ti guardi dall'esterno per un attimo e dici "Wow, ma questi siamo noi!" ed è bellissimo!

      Elimina
  13. Ciao! Che gioia laggere queste cose belle di voi tutti lì e sapere che c'è ancora speranza di trovarti da queste parti, tra i soffioni che volano nel prato di questo blogghino... :-)))
    Un bacio!

    RispondiElimina
  14. bello leggere di nuovo di voi. anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! mi ha toccato il tuo commento all'altro post... un abbraccio!

      Elimina
  15. Bentornata! Anche se mi sembra di aver capito che sei di passaggio (?). E' piacevole leggerti comunque. Buone cose e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! si, non penso che scriverò più tutti i giorni, ma non penso nemmeno di sparire del tutto… ho notato che queste pagine, con tutte voi, mi mancano!

      Elimina
  16. Dai torna ogni tanto...
    Così quando ne hai voglia...

    ;))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tornerò: è sempre bello ritrovare delle amiche! :)

      Elimina
  17. Rachele cara, che piacere poterti leggere ancora! Grazie per la citazione, ricordo perfettamente quel momento! Un abbraccio affettuoso a tutti i Brambillen

    RispondiElimina