martedì 22 settembre 2015

Der most: il succo di mela

Vicino all'asilo di Macco si creano in questo periodo lunghe file di auto con carretti agganciati dietro.
Mamma passa da due anni lì davanti e ha capito fin dalla prima volta -già che è molto intelligente- che lì dentro si fa il succo di mela.
Ieri pioveva, lei era di umore grigio che ancora non ha digerito il rientro dal mare, e ha deciso di fermarsi per fare qualcosa di diverso.
"Mi scusi, posso fare due o tre fotografie per il mio blog italiano?" ha chiesto specificando che è italiana, in caso l'avessero mai scambiata per tedesca...
"Ma certo" ha risposto una signora rotondetta tutta sorridente, e da quel momento non l'ha lasciata un secondo, mostrandole tutto e spiegandole tutto, e offrendole pure un bicchiere di succo appena spremuto.
E così Mamma si è sentita alla stregua di una fotoreporter e la cosa l'ha fatta sentire momentaneamente molto cool.
Segue la descrizione di questa attività, che è molto famosa da queste parti.
E poi voi cittagnoli che cosa ne sapete di come si spreme il succo di mela?

File di auto sostano e attendono pazientemente anche per oltre un'ora, bloccando tutta la strada. Nessuno si lamenta, semplicemente la gente fa inversione e cambia strada!
Ciascuno in fila è carico di sacchi di mele del proprio campo, e molti portano con sé dei barili.



All'interno si lavano le mele, si frullano e poi si pressano, tutto in un unico macchinario. In 20 minuti il succo di quintali di mele è pronto e una pompa te lo versa direttamente nei barili.



Il macchinario e due lavoratori. Col cappello, ovvio!


Le mele vengono frullate e distribuite su delle graticole


Ogni graticola con le mele frullate è impilata sull'altra e poi tutto viene schiacciato dalla pressa.
Il succo viene raccolto sotto e pompato nelle cisterne



Chi vuole lo può far pastorizzare e conservare in sacchetti sottovuoto con apposito rubinetto, in modo da utilizzarlo addirittura fino al prossimo anno.
Gli scarti di polpa di mela, secchi ed esausti, vengono portati come cibo agli animali.


Scarti di mela. Mamma stava anche pensando a come poterli riciclare in modo furbo… 

E quando non ci sono le mele? facilissimo: diventa una distilleria!



Le norme igieniche sono "lievemente" diverse dalle nostre...

Alla fine della gita Mamma è uscita con una tanica di succo fresco e un grande sorriso di soddisfazione.
E aveva anche smesso di piovere!



Prosit!

7 commenti:

  1. Che forte il succo di mele!! Praticamente hai fatto un servizio giornalistico completo, con tanto di assaggio! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quando una è figa, è figa no? ;)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Buonissimo si! Resta poi da valutare quante vitamine ci rimangono dopo 4 giorni in frigo… ma buono è buono :)

      Elimina
  3. Figata!! Poi io adoro il succo di mele e solo i tedeschi lo sanno fare buono buono!

    RispondiElimina
  4. Oh caspita!!! E a quest'ora dove vado a trovare succo di mela per farmi passare il languorino?!! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e pensa quanti muffin di mele riescono a fare con tutti quei residui buoni!!! Fame fame fameeee! :D

      Elimina