martedì 30 luglio 2013

Pranzi selvaggi


28 luglio, 8 di mattina, Villa Delirio.
“Rachele che prepariamo oggi a pranzo?” esordisce nonna Tonia all’ora di colazione.
“Fa caldo... facciamo la pasta con le zucchine, quelle fresche tagliate alla julienne?”
“Ah, buona idea, me le hanno proprio date ieri appena raccolte!”

Ore 12.20, Villa Delirio.
Mamma e i suoi tornano boccheggiando dalla giornata più afosa dell’estate, e sentono profumo di sugo in cucina.
“Ciao siamo arrivati! Ma hai fatto il sugo?”
“Si, sto preparando la pasta al forno”
“LA PASTA AL FORNO? Con 38 gradi all’ombra?!”
Mamma sospetta che dietro tale decisione ci sia lo zampino della Mest, e non dice altro. Poi chiede il permesso di essere esonerata da tale pietanza e pasteggia goduriosamente ad anguria e gelato, mentre gli altri masticano e sudano copiosamente, alcuni seduti a tavola, alcuni in piedi, alcuni all'ombra dentro casa.

29 luglio, 13.02, Villa Delirio.
La temperatura si è assestata stabilmente sui 38 gradi di afa stagnante, ed è di nuovo ora di pranzo. Brontolo, al suo primo giorno di ferie, sogna pomodori, cipolle e mozzarella. Mamma si domanda se preparare la pasta alle zucchine, che le era rimasta la voglia dal giorno prima, mentre la tavola inizia a popolarsi di bimbi affamati.
Ma la nonna Tonia ci ha pensato lei: quattro piatti belli fumanti vengono portati a tavola. La pasta al forno del giorno prima, “Ce n’era tantissima, mica vorrai buttarla via?”.
E mentre Mamma prepara un passato di verdure tiepido per sè e per Brontolo, ciascuno fa il suo mestiere.
Atili apparecchia la tavola, Ale piange, Macco mena, Dede sfotte, Fabio tenta di giocare con un videogioco appena ricevuto, nonna Tonia prepara la “tana” col tavolino per i bambini, Sorilla boccia in pieno la tana e Mamma sposta tavolo e seggioline in posizione più consona. La Mest si siede a tavola con la bocca a deretano di gallina e scruta ora quel nipote ora l’altro, senza proferire parola ma rigorosamente con la fronte aggrottata.
I piatti belli caldi dei bimbi arrivano, Brontolo porta a tavola pomodori e cetrioli e si prepara un’insalata sedendosi al posto di nonno Bruno. La nonna arriva agitata dalla cucina e lo fa spostare, appena in tempo perché nonno Bruno rincasi, prenda il suo tovagliolo e se ne vada a pranzare dentro casa, perché in giardino fa troppo caldo.

A tavola mancano i coltelli, i cucchiai, i tovaglioli, ma in compenso ci sono almeno dodici bicchieri e tre bottiglie d’acqua per quattro adulti mai contemporaneamente seduti: Mamma è seduta a mangiare il suo passato di verdure, la Mest mangia fagiolini all’olio, Brontolo è in piedi a cercare altre verdure per la sua insalata, Sorilla addenta la pasta al forno mentre consola Ale che piange, nonno Bruno è sparito dentro casa, nonna Tonia fa avanti e indietro e mangia un po’ fuori e un po’ dentro.
Mamma ride guardando lo smarrimento dei nuovi arrivati, non ancora avvezzi al pranzo selvaggio di Villa Delirio.

Poi tutto si fa confusione, e dopo un attimo Sorilla sparisce coi suoi bambini, i brambillini svaniscono davanti alla tv spenta, la Mest e nonna Tonia scendono a riposare, nonno Bruno dorme già, e tutto resta nel silenzio.
Un tavolo abbandonato pieno di stoviglie usate, un tavolino con seggioline rovesciate, cannucce a forma di papera per terra, tovaglioli di carta che volano via col vento, la tovaglia sgocciolata di sugo: ecco quel che resta di un normalissimo pranzo selvaggio a Villa Delirio.

23 commenti:

  1. quest'anno è tardi per prenotare, ma l'anno prossimo posso venire una settimana a villa delirio? secondo me rinasco!

    RispondiElimina
  2. potremmo fare un gemellaggio tra villa delirio e quello che è casa mia in estate...uguale uguale! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. buona idea: i marmocchi in una casa e noi nell'altra che ne dici? ;)

      Elimina
  3. Aiuto!!! Non cela posso fare!!! Non provare mai ad invitarmi a pranzo;-)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quindi il prossimo anno fai solo un mese bed & breakfast?

      Elimina
    2. Magari a villa delirio ci vado a settembre che la situazione è più tranquilla....;-)

      Elimina
  4. Ti capisco... mia nonna ieri , con 40 gradi per un pranzo veloce a casa sua mi ha proposto :
    Pasta al sugo, pollo ripieno e , pezzo forte.. MELANZANE ALLA PARMIGIANA....
    Sono rientrata in ufficio sognando un digestivo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giusto perché era un pranzettino veloce... ma la peperonata con l'uovo, no? ;)

      Elimina
  5. Un caos che ormai non ricordo più...ma che mi piacerebbe rivivere! Però la pasta al forno proprio no ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi prima dei bimbi non abbiamo mai avuto situazioni così "estreme"... e prima della mest nemmeno la pasta al forno estiva!

      Elimina
  6. ahahahaha! Mi pare casa mia! Ieri sono uscita dicendo a mia mamma di preparare del cous cous e sono tornata che aveva fatto le lasagne :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. wow le lasagne mi sa che sono pure peggio!!!!!

      Elimina
  7. Ecco, a sentir chiedere alle 8 cosa mangiarmo a pranzo, a me è passata la fame...figurati come ho letto il resto! No, lo confesso, non ce la potrei fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non dirmi niente! è capace di chiederti il menù pranzo-cena dell'intera settimana ancora prima di fare colazione :)

      Elimina
  8. credo che impazzirei! Noi, anche quando siamo tanti riuniti, cerchiamo di restare tutti seduti a tavola, tranne uno o due adulti, almeno il tempo del primo e secondo...e poi si mangia quel che c'è per tutti.
    UN pò di liberta in estate mi piacerebbe e non ci vedo nulla di male, eh, però credo che al secondo giorno darei di matto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non per niente è stata nominata villa DELIRIO! ahahaha!

      Elimina
  9. La pasta al forno a fine luglio non riuscirei a mangiarle nemmeno io ed è quanto dire. Il caos presuppone tante persone e mi sembra bellissimo. Noi, quando siamo tutti, arriviamo a 7 e 1/2 (il nipotino di un anno). Pur volendo non ci riusciamo a far casino... Scommetto che in fondo ti diverte tutto questo, come le domande scienziatesche di tuo figlio ;-). Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tanta gente è divertente,si. però credimi... un po' di sana tranquillità qualche volta sarebbe più riposante! ;)

      Elimina
  10. Risposte
    1. sempre? tutto l'anno così? mito!!!!

      Elimina
  11. Villa Delirio :D Quanto mi sei mancata Rachele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) grazie mia cara! un abbraccio (ma cosa facevi sveglia alle 1.19 della notte!?!)

      Elimina