martedì 16 luglio 2013

Saggezza buddista (e non)


Atili è un giovane che viene dall’isola di Ceilon, ed è di religione buddista.
La sua stanza è abbellita da statuette del predicatore panciuto e bastoncini d’incenso che gli servono durante la preghiera.
Crede ciecamente nella reincarnazione e per questo ha il massimo rispetto per gli animali tutti.
Quelli vivi. Perché se li uccide qualcun altro, non ha alcun problema a mangiarli, e anzi, si nutre prevalentemente di würstel.

Mamma è una giovane che viene dall’Italia invasa dalle zanzare, e non ha religione. O meglio, quando si tratta di zanzare tigre la sua divinità suprema è la racchetta dei cinesi, che le fulmina all’istante emettendo un goduriosissimo frizzo luminoso.
Lei si diverte un mondo minacciando davanti a lui un fantomatico sterminio di formiche, uccisioni di massa di ragni pelosi e tutte le peggiori invettive verso il brulicante mondo degli insetti molesti. Ma non mangia carne, se non in situazioni rarissime.

Ora che il divertimento principale di Dede sembra essere la caccia agli insetti, Atili si è rivelato un preziosissimo aiuto nel catturarli senza far loro alcun male, e quando il bambino li porta a vedere a Mamma (oh che bellezza…) lei si raccomanda di liberarli, scherzando poi con Atili che così sarà più facile schiacciarli.
Ovviamente lei scherza, ma Atili ieri non ha potuto più tacere.
“Prossima vita, signora, malissimo…” ha sentenziato facendo segno di kaput con la mano.
“Perché... tu dici che potrei rinascere zanzara?”
“Certo, possiamo tutti animali. E lei molto male!”, ha risposto segnandosi col pollice la gola come per tagliarla.
Sorrideva Atili, ma era serissimo.

Nessuno può sapere se questo avverrà realmente, e così Mamma ci ha pensato su.
Alla reincarnazione, allo spirito dei nostri parenti incarnato in qualche strana bestiola, al rinascere pulce o mucca, al rispetto per gli animali per paura di una punizione nell’aldilà.
Dopo svariate pensate Mamma dichiara ufficialmente quanto segue (e per favore venga trasmesso ai posteri): se mai nella prossima vita si dovesse reincarnare in una zanzara, o uno scarafaggio, o una blatta, o che so io, in quegli insetti col guscio che se li tocchi diventano una pallina, sono tutti autorizzati a prendere qualsiasi oggetto capiti loro a tiro e a schiacciarla senza pietà.
Almeno, pietosamente, le agevolerete il passaggio verso la prossima vita.

21 commenti:

  1. ahaha! Sai che ci penso sempre anch'io a 'sta cosa della reincarnazione?!? Inoltre sono vegetariana, animalista, pacifista etc etc. Però nessuna pietà nei confronti dei parassiti e degli invasori dei miei spazi strettamente vitali. Io mi sono travata delle attenuanti per ora: i parassiti (zanze, pulci, pidocchi...) nella precedente vita sono stati criminali impuniti e io sono la loro nemesi in questa vita. Per ciò che riguarda gli invasori degli spazi vitali (es.: le formiche mutanti che avevano invaso gli armadietti della mia cucina), si tratta solo di una azione estemporanea, limitata alla legittima difesa. Per tutti gli altri (compresi i ragni pelosi e gli scarafaggi stercorari, ad esempio) c'è indulgenza e un pacifico, cruelty-free accompagnamento in altro luogo dove essi continuare a vivere felici.
    Un abbraccio,
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha la nemesi è bellissima! Anche io sono x lasciarli vivere... Nel loro ambiente! A casa mia nein! Zac! Si muore! :)

      Elimina
  2. ti volevo dire la stessa cosa... se nasco insetto maledetto ammazzatemi alla svelta così magari mi rincarno in una premio nobel!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm... Brava. Io credo che ambirei ad una vita meno cervellona e più principesca... Rinascerei erede al trono d'Inghilterra, ecco, si

      Elimina
    2. Rachel I. Bel nome per una futura Royal Baby!! ;)
      Monica

      Elimina
  3. Mi fai morire dal ridere......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta che dopo non mi ti reincarni in una zanzara altrimenti mi tocca farti morire pure schiacciata! :D

      Elimina
    2. Concordo con te......se rinascerò zanzara hai il permesso sin da adesso di schiacciarmi senza pietà!!! :D

      Elimina
  4. Grande!! E io che già ti immaginavo a ospitare e sfamare animali e insetti di tutti i tipi ;D ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm... Sei TROPPO fantasiosa! Eheheh!

      Elimina
  5. Bella la tua prospettiva di Karma!!!!

    RispondiElimina
  6. Se non ti precedo, ok. Mi munisco di una di quelle schifose racchettine ammazzamosche e faccio strage :-D. Che si deve fare per le amiche/zanzare... Ma se rinasco pollastrella mi tiri il collo, ahahah? Grazie...;-)

    RispondiElimina
  7. Conclusione inaspettata...ma non fa una piega! :D

    RispondiElimina
  8. MI sa che saremo reincarnate insieme in due zanzare, non credo di poterti essere utile! ;)

    RispondiElimina
  9. Adoro la fine del post, sto ancora ridendo :-) una logica ferrea!

    RispondiElimina
  10. Se mi reincarno non sarò un insetto, ma un'unghia re-incarnata.

    RispondiElimina
  11. Era reincarnita (maledizione, devo ritrattare il commento :-))

    RispondiElimina
  12. E se fosse bello essere una zanzara? Se torturare fino a morire un umano, fosse un' esperienza stellare? Se lo scarafaggio o la blatta si divertissero un mondo a farci inorridire? Se diventare una pallina, dopo essere stati toccati da un enorme ditone, fosse come farsi una capriola su un cuscino? Ecco, così, tanto per dire ....

    RispondiElimina