mercoledì 18 dicembre 2013

L'offesa

"Che ne dici se oggi andiamo al negozio di giocattoli in pausa pranzo?" chiede Brontolo prima di andare al lavoro.
"Come vuoi, decidi tu" risponde Mamma.
"Allora passami a prendere a mezzogiorno" e se ne va.

Mamma porta i bambini all'asilo e poi pensa che sarebbe più comodo per lui posticipare, per diversi motivi, ma non lo chiama per non disturbarlo al lavoro.
E invece il telefono squilla, ed è proprio lui.
"Ciao. Lo sai che il mio capo voleva parlare con me a mezzogiorno?"
Mamma pensa che è proprio una buffa coincidenza e risponde proponendo di vedersi alle 13.
"No, come alle 13? gli ho già detto che alle 12 devo andare a mangiare. Faccio la riunione col capo alle 13"

"Scusa, come? Hai detto veramente al tuo capo che non puoi alle 12 perchè devi andare a pranzo?"
"Si, eravamo rimasti d'accordo così noi"
"Ma Brontolo, a me cosa vuoi che cambi? Se il tuo capo ti vuole parlare alle 12 sposta l'appuntamento con me. Inoltre è anche più comodo se andiamo dopo, perché..." e bla bla bla.
Brontolo dalla cornetta si altera.
"E no Rachele, non si fa così. Se avevamo dei programmi non puoi cambiarmeli all'ultimo momento, cosa centra adesso andare in negozio alle 13? I programmi erano altri! Io sto spostando tutti i miei appuntamenti per rispettare gli orari, abbiamo detto alle 12, adesso perchè vuoi cambiare? mi scombini tutto, dillo, non vuoi venire?"
Oddio. 
"Senti, coso" lo interrompe Mamma. "Tu stai lavorando, io posso venire a qualsiasi ora. Decidi e fammi sapere, basta che stia bene a te"
"Ok. Allora a mezzogiorno si era detto, e mezzogiorno sia. Non mi piace scombinare i programmi, è una cosa che mi dà troppo fastidio"

"Sei proprio... guarda tu sei... insomma sei...
Brontolo, sei proprio un ingegnere!"

Brontolo è scoppiato a ridere.
Eppure Mamma era convinta di avergli detto la peggiore offesa sulla faccia della terra!

29 commenti:

  1. "Scusa Rachele, ma alle 12 non possiamo vederci: il mio capo ha detto che vuole parlarmi." "Ma coma, eravamo daccordo che ci vedevamo proprio a mezzogiorno! Possibile che non sia possibile che tu rispetti un orario che sia uno? Che la tua vita eve sempre essere messa avanti a quella di tutti gli altri? Che non si possa mai organizzare niente senza che tu debba ripensarci? E io stupida che ho messo la mia vita a disposizione della famiglia! Neanche Biancaneve e Cenerentola hanno dovuto sopportare quello che sopporto io da tutti voi! E poi..." Bla bla bla, bla bla bla, bla bla bla... Ecco cosa sarebbe successo se avesse spostato il tutto. Ra, lui è un ingegnere, ma tu sei una donna! E in questo caso non so se anche questo sia un complimento... E siete tutte così. Ma vi vogliamo bene lo stesso. Anzi, di più!
    M.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pienamente d'accordo! Uno vuole andare a far acquisti con la moglie e ci tiene a rispettare l'impegno preso....e no, non va bene. Ma forse il problema sta nel fatto che lui da sciocco non sia riuscito ad interpretare le parole iniziali di lei "Come vuoi, decidi tu"... tradotte in "ma, se proprio vuoi, io non ho tanta voglia, ma se tu proprio vuoi...". E' sempre colpa del marito, in qualsiasi caso. ;-)

      Elimina
    2. Si, bravi, datevi man forte fra di voi! ;)

      Elimina
  2. mentre leggevo ho proprio pensato le stesse parole! è proprio un ingegnere!

    RispondiElimina
  3. Conosco beeeeeene il genere....solidarietà!!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! però è convinto di essere un ingegnere ATIPICO. Come tutti loro, d'altronde!

      Elimina
    2. Quasi tutti. Il mio è tipico, sa di esserlo e se ne vanta pure!!!

      Elimina
  4. Oddio anche io pensavo proprio questo mentre leggevo...certo che questi ingegneri non hanno proprio una bella reputazione! Povera Rachele che devi subire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, non è che la reputazione che hanno sia proprio falsa... :D
      Cmq stai tranquilla, non subisco affatto! io urlo! UAHUHAUHA!!!

      Elimina
  5. Sì, hai ragione, ingegnere. E si sta pure crucchizzando...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E le due cose insieme generano un mostro, te lo assicuro! :)

      Elimina
  6. Ahahah :D
    sì, io concordo con te cara Rachele: anche per me quella è un'offesa bella e buona!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero? Una volta in ufficio un tizio mi chiamò ing (lavoravo in un settore pieno di ingegneri)... gli ho risposto che non doveva offendermi! ;)

      Elimina
  7. è un ingegnere e anche un po' crucci;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta diventando crucchissimo, ahimè!

      Elimina
  8. Da moglie d'ingegnere: tutta la mia solidarietà! Crolli il mondo ma non gli spostare MAI gli appuntamenti. Al limite, lascia che sia lui a scegliere ma non fargliela tu la proposta. Dopo dieci anni, ho imparato! :-|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahha! me lo ricorderò, grazie! :)

      Elimina
  9. Anche tu pretendi, però!!!!!
    Dai!!!
    Cercare di aiutarlo semplificandogli la vita!!!
    Sei proprio una moglie!!!
    Battaglia persa su tutti i fronti, che si un ingegnere o un giardiniere....

    RispondiElimina
  10. Noooooo!!! Ingegnere anche lui? Beh allora mal comune...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo sono ormai ovunque... Stanno invadendo il mondo, ahhhhh! ;)

      Elimina
  11. Ingegnere e moglie dell'ingegnere: bomba innescata...naturalmente "a orologeria", per essere precisi! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E con orologio preciso al millesimo di secondo, ovviamente!

      Elimina
  12. Ingegnere a chi?? Ma come ti permetti....ahahahah!!!
    Sei sicura che l'appuntamento era a mezzogiorno?
    O alle dodicizerozero?? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha! in effetti non sono stata precisa! mea culpa!

      Elimina
  13. ma noi dai....averne di uomini cosí! contenti di venire al negozio di giocattoli con te, puntuali e rispettosi degli impegni. w brontolo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma di quello non dico nulla... è l'elasticità mentale... questa sconosciuta! :)

      Elimina
  14. Oh cavolo,questi uomini! Noi sante donne!

    RispondiElimina