martedì 18 dicembre 2012

La gente

"Mamma, ma non hanno preparato niente da mangiare! Che cosa siamo venuti a fare all'asilo di Macco?"
La voce della verità bisbiglia piagnucolando al Santo Asilo, e Mamma scoppia a ridere per la beata faccia tosta del primogenito.
C'è la festa di Natale, e i bambini sanno che le maestre danno il meglio di sè come pasticcere in quelle occasioni.
Ma la sala è vuota.
O meglio.
La sala è gremita di gente, ma non c'è cibo.

Tanta Gente è arrivata alla festa del Santo Asilo e lo riempie di sè.
Nonni, zii, cugini, fidanzati dei cugini, compagni di scuola dei fidanzati... La sala è così piena che i bambini piangono aggrappati alle mamme, e i genitori non riescono ad entrare.
Ma la Gente non si sposta.
Gambe larghe, braccia incrociate, giacconi e sciarpe allacciati fino ai denti con una temperatura che sfiora i trenta gradi.

All'asilo hanno preparato un piccolo intrattenimento: hanno creato due grandi slitte con degli scatoloni, tirate dalle maestre, e da ogni scatolone spuntano due piccoli alunni con il berretto di Babbo Natale. Macco chiude la carovana.
Alcuni genitori però sono dal lato opposto del pubblico: non c'è posto per loro fra la Gente, e i brambilla sono fra questi.
Seduta al posto d'onore, Gente e ancora Gente. Mai visti prima, da nessuno a quanto pare, ma non fanno posto ai genitori.

Poi una maestra annuncia "Potete avvicinarvi al buffet, nell'altra sala!" e la Gente sparisce.
Roba da grandi prestigiatori!
I bambini escono dagli scatoloni alla spicciolata, con i genitori accanto che fanno fotografie, parlano fra loro, parlano con le maestre. La sala è rimasta piena solo di noi: bambini, genitori, famiglie dell'asilo.
E tutta quella Gente?

Uno spostamento d'aria, e anche Dede sparisce come tutti gli altri.

Un istante dopo Mamma è nella stanza del rinfresco a difendere due nanetti golosi piazzati davanti al tavolino delle cibarie, inconsapevoli del pericolo che corrono.
Li protegge da borsoni a tracolla sbattuti in faccia, da pedate pesanti, da spintoni di Gente piena di piatti in mano.
I pupi masticano beati mentre lei cerca di insegnar loro la moderazione, ma deve ammettere che quello non è proprio il momento più adatto, nè chi c'è intorno dà l'esempio più adatto.
Alla fine anche lei mastica quello che cade loro di mano, quello che lasciano per la fretta di assaggiare qualcos'altro e quello che non riescono a finire perchè i loro occhi hanno mangiato troppo per le loro pance.
Si sacrifica, insomma.

E nel giro di mezz'ora la Gente se ne va.
Resta un tavolo quasi vuoto, bicchieri di plastica sparsi ovunque, pezzi di torta al cioccolato calpestati.
Le famiglie dell'asilo rimangono di più, la temperatura cala rapidamente, e i bambini iniziano a giocare nelle sale sgombre.
Nella sala della nanna c'è un mercatino per beneficenza, e Mamma entra con due amiche.
"Sono passata prima, era pieno di Gente. Ora posso guardare con calma" dice alla maestra addetta. "Avete venduto tanto? Con tutta quella Gente..."
La maestra sorride mesta.
Mamma e le sue due amiche hanno comprato, oltre ad un paio di nonni.
Nessun altro.

E tutta quella Gente?

(Avranno pure la stessa faccia tosta di Dede, ma lui, per lo meno, ha solo quattro anni...)

27 commenti:

  1. Gente ... bel termine, spesso si potrebbe dire gentaglia, che riesce a togliere spazio anche a dei bambini e a non dare niente in cambio.
    Ne ho vista parecchio anch'io in questi anni, che peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapessi quanto mi hanno dato fastidio!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Ho cotto il pane nella pentola! é venuto molto più soffice e bello, anche se non bello come il tuo... :))

      Elimina
  3. Tra un po' ci vorrà la famigerata lista pure per le feste all'asilo?!?!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che per il prossimo anno ci penseranno! Le maestre sono state disponibilissime, ma se poi le persone se ne approfittano così...

      Elimina
  4. questi sono i momenti in cui apprezzo la materna che frequenta mia figlia, che la festa di natale è solo per i bimbi, cori-balli-cibo-recita delle maestre, il tutto filmato e regalato a noi genitori.
    niente gente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me dispiacerebbe non fare la festa insieme a loro, è comunque un momento piacevole, è solo che mi domando come si faccia a non vergognarsi a portarsi dietro 15 persone solo per mangiare a sbafo!

      Elimina
  5. tipo cavallette.venerdì noi abbiamo la nostra prima volta all'asilo di luisa,vedremo un pò,con certi elementi che girano prevedo grandi ispirazioni per i miei post...

    francy

    RispondiElimina
  6. Quando si mangia a sbafo di Gente ce ne è sempre in abbondanza!
    Venerdì abbiamo la festa di Natale del nido con annessa recita e ci è stato già chiesto di partecipare alla preparazione del buffet preparando dei dolci, e sai qual'è la cosa che mi scoccia??? E' che sotto le spoglie degli stessi genitori si nasconde tanta "Gente" che non parteciperà attivamente alle richieste delle maestre e invece criticherà chi si è fatto il "mazzo così" a mezzanotte per preparare qualcosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi chiedo: ma quelle persone parleranno degli altri (e di noi) negli stessi termini nostri?!?

      Elimina
  7. No comment...ma d'altronde che vuoi farci....tipici italiani!!!!

    RispondiElimina
  8. Sapessi gli spintoni!!!
    Ammetto che anche noi siamo golosi (i miei bimbi sono senza ritegno e io mangio tutto quello che lasciano, eheh!), ma c'è un limite...

    RispondiElimina
  9. Dopo anni di feste ad ogni livello di scuola, benedico il fatto che i miei figli siano cresciuti!
    Delle varie feste, ricordo solo la stanchezza e il nervosismo dei bambini nei giorni di preparazione della recita/balletto/canto: capivo che avevano iniziato le prove dalla loro irritabilità.
    Quoto Pera, trovo molto giusto che festeggino tra loro, senza "intrusi".
    Peccato per l'iniziativva di beneficenza, però! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho grande esperienza in merito. Per il momento le feste al nido di Marco sono quasi di famiglia, quelle di Dede sono già meno simpatiche... ma per il momento ho visto che si divertono. Ti saprò ridire fra qualche annetto!

      Elimina
  10. Da noi non si possono superare n. 2 persone per bambino!
    Mi sembra giusto. Anche perchè nel salone non c'è lo spazio fisico per accogliere altra gente, fermo restando le condizioni di sicurezza che ovviamente precipitano all'aumentare del numero dei presenti....(la solita pignola!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che il prossimo anno regoleranno gli ingressi in qualche modo. A me ha dato fastidio, ma immagino che anche per loro non sia passato tutto inosservato... E comunque il prossimo anno lui non sarà più li :((

      Elimina
  11. Anche io mi sono sempre meravigliata delle cavallette al buffet delle feste dell'asilo, sembravano venire solo per panettone e patatine, ma a casa loro non mangiano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora, l'anno scorso le ragazze hanno preparato un buffet da sogno. Fanno decorazioni in pasta di zucchero e sono bravissime. CI hanno lavorato per circa un mese fra biscotti, mini muffin, torte, cioccolatini, gelatine, scenari... si deve essere sparsa la voce, e quest'anno alcuni genitori si sono portati dietro i rinforzi. :(

      Elimina
  12. Che orrore! Ho spesso lavorato come sommelier ai matrimoni e ho visto scene raccapriccianti ai buffet. Sembra che la gente a volte non mangi da secoli... Una volta una signora, mentre io servivo lo spumante al buffet dei dolci, per afferrare più comodamente i confetti ricoperti di cioccolato, a piene mani (!!!), passò dall'altro lato della tavolata e si affiancò a me. Le dovetti chiedere di tornare assieme agli altri, al lato opposto del tavolo. Allucinante... Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mitica signora! me la immagino pure!
      Pensa cosa sarebbe stata capace di fare a dei bambini se le si mettevano fra lei e i confetti! ;)

      Elimina
  13. Ma chi ha fatto entrare tutta quella gente? Qui non si discute: non piu di due adulti x bambino e ognuno porta qualcosa x mangiare. Organizzazione svizzera? No, buon senso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'era una regola, e come potevano mandare via quelli arrivati in 10-12... penso che si fossero affidate al buon senso della gente, piuttosto.
      Comunque secondo me il prossimo anno inizieranno anche loro a porre dei paletti!

      Elimina
  14. Decisamente urge regola x prox anno o vi ritroverete tutto il paese!!

    RispondiElimina
  15. che tristezza però....pensavo che queste cose succedessero solo a Roma...di solito i milanesi sono più discreti....vabbè da noi la nostra festicciola c'è venerdì e poi ti racconto come va in un asilo medio della capitale;-)))

    RispondiElimina
  16. mm.
    sono andata ad un paio di recite di mia nipote, quando era ancora piccola e simpatica.
    odio la Gente.
    e quando toccherà alle feste del bambino di pongo, darò fuoco, a tutta quella Gente.

    RispondiElimina