lunedì 3 dicembre 2012

Un brunch domenicale

Ieri i brambilla sono andati in massa all'asilo di Macco.
Si, era domenica, ma l'asilo organizzava un brunch per famiglie al suo interno.

Appena entrata, Mamma ha guardato il buffet, e in quelle tre ore ha dimenticato di avere dei figli, un marito e un'allergia alimentare. 
Per non parlare della dignità.
Ha assaggiato quasi tutto l'edibile, iniziando dai dolci, facendo una rapidissima tappa al tavolo dei salati e tornando senza ritegno ai dolci.
Ha aperto le danze con una torta al cioccolato su cui ha versato della crema all'arancia, e da allora il mondo si è colorato di rosa.
Ha assaggiato una chiffon cake, mangiato un paio di pancakes ricoperti di sciroppo d'acero come faceva Arnold, circa tre coppette di yogurt con muesli croccanti assolutamente banditi da casa sua ormai da tempo, ed era felice.
(No, ora che ci pensa si rende conto che ha assaggiato nemmeno la metà dei dolci, e questa presa di coscienza la sta turbando parecchio)

Al pensiero che in tutto quel bendiddio fatto in casa, la casa non era la sua e lei non ha sbattuto nemmeno un ovetto, le si è allargato il cuore: qualcun altro ha preparato per lei!
Al pensiero che sotto il tavolo dei bambini qualcuno avrebbe spazzato al posto suo, e pure senza scandalizzarsi perchè avvezzo a tale modo di mangiare, voleva baciare le maestre.
E quando si è messa a raccogliere i giochi prima di andar via, e ha realizzato che forse poteva anche esimersi, visto che non sapeva dove sistemare il tutto e visto che poi altri bambini avrebbero continuato a giocare, voleva piangere dalla commozione: qualcun altro avrebbe riordinato per loro!
Ha provato celestiali sensazioni inedite che le hanno scombussolato l'equilibrio psichico, e ora si sente già in astinenza.

Santo subito per favore.

15 commenti:

  1. e santa subito l'iniziativa dell'asilo...mi piace molto

    francy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapessi che relax non dover in ogni istante controllare dove sono i bambini e cosa stanno facendo!

      Elimina
  2. Bello questo asilo di Macco che organizza corsi di disostruzione pediatrica e brunch domenicali! Non è pubblico, vero?
    Comunque hai fatto benissimo!!!!!!!!!1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un asilo aperto da appena 2 anni. Le direttrici sono giovani ed entusiaste, amano il loro lavoro e si sente in ogni cosa che fanno!
      Ovviamente non è pubblico... ;)

      Elimina
  3. che bell'idea... alla nostra scuola però non si può portare nulla di fatto in casa solo super confezionato quindi non verrebbe così bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno lì si può, ma di domenica è come se non fosse più un asilo, ma un locale adibito a feste!
      Comunque hanno preparato loro, che hanno fatto anche i corsi dell'asl per poter servire alimenti.

      Elimina
  4. si, una belle idea! Chissà se tra qualche anno riusciremo anche noi ad approfittarne... lo spero! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende come sei fatta tu: il cucciolo in teoria lo puoi portare ovunque con il carrozzino, dunque potrai uscire col papà molto prima di quello che pensi.
      Basta che non sia un posto troppo rumoroso.
      Io però ero sempre in paranoia da virus dei luoghi affollati... e non li ho mai portati da nessuna parte! Partorire in inverno ha questo svantaggio :(

      Elimina
  5. Ho capito, se eravamo insieme ci sbattevano fuori! Ahahah! Cara, c'è un premio per te dalle mie parti ;-). Lo hai già ricevuto ma mai da una squilibrata. Questa è storia! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ros, caspita, mi hai fatto una recensione da mille e una notte nel tuo blog!
      GRAZIE STELLINA!

      Elimina
  6. Che bello ogni tanto potersi lasciare andare!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapessi quanto mi sentivo contenta!

      Elimina
  7. A saperlo avrei fatto l'imboscata di turno...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! è che sei un po' fuori mano... ;)

      Elimina
  8. Come alle inaugurazioni dei nuovi locali?

    RispondiElimina