lunedì 28 gennaio 2013

Capricci, noi? Ma figuriamoci!

Sui capricci? Ancora?
Ma si, in fondo pare un argomento di moda. 
Chissà perché poi? in fondo i miei bimbi non ne fanno mai...
Probabilmente in giro ci sono bambini capricciosi.
Probabile.
Ma non guardate noi, eh?

Perché le urla che eventualmente sentiste dall'androne del palazzo, provenienti dal primo piano, magari sono dei bambini del piano di sopra.
Perchè gli strilli per le scale per essere presi in braccio, in realtà non sono capricci: è solo stanchezza.
Perchè quando qualcuno si butta per terra per un NO -in dicembre- alla richiesta di un ghiacciolo, sicuramente non è un capriccio: è gola arsa, e siccome il bambino si sa regolare da solo, forse ha proprio bisogno di rinfrescarsi un po'.
Perchè quando qualcun altro vuole guardare "Bappaapà" e prende a calci ogni cosa se non gli viene concesso, anche questo non è un capriccio: forse non lo stavamo stimolando abbastanza, è di sicuro colpa nostra.

"Ma tu li giustifichi sempre?" chiede il loro papà. "Non è possibile che siano semplicemente capricciosi, senza tirare in ballo sempre qualche strana motivazione?"

Ovviamente si sbaglia: i bambini di Mamma non sono capricciosi. 
E' l'età. O il sonno. O stanno covando qualcosa...
Di sicuro non sono capricciosi.

Ma nel dubbio, intanto, Mamma continua ad applicare la sua regola, che prima o poi -spera- darà i suoi frutti:

Ti spiego. Non basta?
Ti sgrido. Non basta?
Ti ignoro.

E poi aspetta: tanto prima o poi cresceranno.
No?



D.M. propone un argomento mensile di discussione.
Con questo post partecipo all'argomento di Gennaio.

24 commenti:

  1. Ti spiego. Non basta?
    Ti sgrido. Non basta?
    Ti ignoro. Non basta?

    Allora urla la mamma...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah!
      vabbè, questa è un'altra storia!

      Elimina
  2. Ehehehehe... rassegnata, saggia, sopravvisuta al capriccio!

    RispondiElimina
  3. io stessa tattica: spiego e poi ignoro finchè non si calma da solo e a volte passano ore e ore ma io non cedo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, è tenace il tuo ometto, eh? :)

      Elimina
    2. è un ariete e con questo t'ho detto tutto;-))

      Elimina
    3. Mi ricorda proprio qualcuno dei miei!!! :)
      ariete pure lui!

      Elimina
  4. Molto dipende da come siamo messi noi quando loro fanno i capricci. Quando siamo nervosi o comunque non abbiamo la pazienza per calmarli, le nostre reazioni non sono così controllate. Io per lo meno, passo facilmente alle urla. Vorrei tanto ignorare, ma non ci riesco!!!! Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sante parole!
      La fase delle urla per me era implicita... quando dico che sgrido, non pensare sia una cosa rapida e in sordina :)))) ahahha! poveri bambini!

      Elimina
  5. Mi hai fatta sorridere.
    In effetti anch'io trovo sempre altre motivazioni differenti dal capriccio e mio marito a dirmi che giustifico sempre. Non so, spesso ci ho visto giusto. C'erano situazioni più complesse dietro. Altre forse ha ragione il marito. Cmq si, crescono,anche troppo in fretta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sigh... così mi viene già la nostalgia... :(

      Elimina
  6. Io ho notato che quando fanno i capricci imiei monelli dipende da quale genitore sta gestendo al situazione: se sono io (quasi sempre) arriva mio marito e tutto pietoso ewsclama "Ma dai, poverini! Non esagerare!...Venite da papà, monellini!!" e allora lo sbranerei!! Però ammetto che quelle rare volte che si trova lui a gestire un capriccio e perde la pazienza (ne ha molto meno di me, questo va detto, io la perdo con meno facilità) anche io istintivamente faccio la parte di quella che "salva" i monellidal rimprovero o dagli strilli, blandendoli un pò (ma non troppo, eh!).
    Insmma...è dura, Rachele. E' mooolto dura :-) ma ce la si può fare, con un piccolo esame di coscienza ogni tanto, con il polso fermo quando occorre, con un minimo di elasticità che non fa mai male, con un pò di misericordia verso noi stessi quando cediamo alle urla o urliamo più forte diloro...
    Si, cioè: è facile scriverlo qui, metterlo in pratica è tutta un'altra cosa ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in teoria noi siamo BRAVISSIME e FERRATISSIME!!!
      Sono 2 voti separati, no? scritto e orale! ;)

      Elimina
  7. Mi piacciono le tre regole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto l'ultima! ma avere dei tappi alle orecchie aiuterebbe!

      Elimina
  8. I bambini devono essere capricciosi!
    Non sempre certo, ma è il loro modo per imparare a manipolare i genitori, devono fare capricci!
    Poi i genitori mettono i "paletti" e dichiarano il limite entro cui è permesso fare i capricci.
    A volte i paletti non funzionano?
    Chiamate un falegname per favoreeeee! ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora Marco mi diventerà un manipolatore di professione!
      La prossima volta però mi sposo un falegname, così fa tutto lui.... aaahhh che pacchia!

      Elimina
  9. Ma guarda un po', abbiamo la stessa regola! E guarda un po', quando lo ignoro è il momento in cui il pupo capisce subito!

    RispondiElimina
  10. Anche a me da fastidissimo essere ignorata! ;-)

    RispondiElimina