lunedì 7 gennaio 2013

Un bambino grande


Alla festa della Desi, Mamma non l’ha neppure visto.
Più precisamente l’ha incrociato appena, al tavolo del buffet chiaramente, dove lui l’ha deliziata con un paio di bacini briciolosi e poi è sparito fra la folla per giocare con gli altri bambini.
Grazie a questa ventata di autonomia di Dede lei ha avuto modo di salutare la sua amica psicologa, madre di quattro-figli-quattro, che le ha chiesto con aria apprensiva “Allora, come stai?”. Considerato che all’età in cui lei festeggia il battesimo del quartogenito, con neanche un etto di troppo, Mamma era in attesa appena del secondo, e con svariati chili di troppo, la risposta non poteva che essere “Benissimo, grazie, in forma smagliante!" che fra le righe significa poi "potrò mica lamentarmi con te, che ne ho soltanto la metà?”

E mentre Brontolo le chiedeva a più riprese “Dov’è Dede?”, Mamma rispondeva beatamente “Non lo so!” e chiacchierava con l’amica avvocato dalla carriera lanciata, dal sorriso dolcissimo, le bimbe quasi bambole e l'invidiabile marito tuttofare.

La festa è stata piacevole, e Mamma ha potuto dedicarsi alle pubbliche relazioni e agli squisiti manicaretti, grazie a Brontolo che controllava a vista Macco.
Tornati a casa, poi, Mamma ha chiesto “Dede, amore, non siamo stati per niente insieme oggi, vuoi venire un po’ qui che ti faccio due coccole?”
Lui tutto educato, tutto compito, con la sua solita aplomb inglese le ha risposto “Ehm… Uhm… No Mamma, adesso sono troppo impegnato. Però ti posso dare un bacino”

In queste vacanze Mamma ha compreso di avere un bambino grande, che si muove da solo nel mondo e che ricorre a lei sempre in meno occasioni.
La cosa le suscita un divergente stato d’animo di piacevole libertà e sottile malinconia. 
(Fermati amore, non crescere ancora, rimani per sempre della tua mamma innamorata!)

Ma per fortuna può non disperare: ha ancora davanti un annetto per godersi la “cozzaggine” di Macco, che non ne vuole sapere di vivere neanche un solo istante lontano dalla sua “belliscima mamma, tutta mia! e non puzzi nemmeno di saliva!”
E davanti ad una dichiarazione d'amore così...

18 commenti:

  1. Mi hai strappato un sorriso, stamattina.
    E menomale!
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. E' tutto merito delle mie bestioline... :)

      Elimina
  3. ehehehe... non puzzi neanche di saliva.... so soddisfazioni!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, eheheh, e vedessi con che faccia ispirata me lo dice!!

      Elimina
  4. Eh be'...se non puzzi? Di saliva poi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che per lui sia il massimo del complimento che gli venga in mente! mi fa troppo ridere!

      Elimina
  5. "Belliscimo" Macco. Anche la mia è "una cozza"...e la cosa non sempre mi fa piacere, ma forse è meglio che me la godo, a quanto pare finirà presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, anche io mi lamento per il mal di schiena... ma poi si staccano in un battibaleno e poi ci rimane una voglia di coccolarli!

      Elimina
  6. Non me lo dire... Il problema sarà quando diventerà grande anche il piccolo. E io?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TU puoi sempre fare il terzo, ehehe!

      Elimina
  7. Belliscima mamma diceva mia figlia ma anche puzzi di saliva...grrrr non ho mai capito perchè mica fumavo....grrr bel racconto l'importante è rilassarsi...ciaooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! le femmine sono sempre più acidognole, si sa! :))

      Elimina
  8. Strano...ho sempre pensato che puzzassi di saliva...ahahah! Incredibili i tuoi bambini, Ra!!! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, e chi non puzza di saliva oggigiorno! :)

      Elimina
  9. Ma quanto ci conoscono bene i nostri bambini, ci riconoscono dagli odori! Che dichiarazione ra, puoi esserne fiera!

    RispondiElimina
  10. Davvero ad un certo punto si allontanano?
    Non saprei se esserne più felice o impaurita.
    Ma almeno so che prima o poi dovrò abituarmi all'idea.

    RispondiElimina