giovedì 4 aprile 2013

Teddy pancia moscia

Sono stati mesi di domande, sono stati mesi di nostalgia e sogni bislacchi.
"Ti ricordi mamma quando c'era Teddy con la pancia moscia?"
"Mamma, ma secondo te dov'è ora Teddy? E perchè lo abbiamo perso?"
Sono stati mesi di solitudine per il piccolo Dede che ha perso il suo amico, e per colmarne il vuoto ha perfino tirato fuori dall'armadio Mia Piccola, la bambola di pezza che assemblò Mamma e gli regalò il giorno della nascita del fratellino.

Dopo una partenza in sordina, la nostalgia ha iniziato a farsi sentire e ogni tanto, dal nulla, Dede se ne usciva con domande e racconti di sogni notturni, a cui seguiva sempre la medesima risposta: "Teddy l'avevi portato al parco giochi con gli scivoli, ti ricordi? Poi l'hai tirato giù da uno scivolo e qualche bambino deve averlo preso perchè non l'hai più ritrovato..."
"E adesso non lo troveremo più vero mamma?" concludeva lui con gli occhi pieni di speranza, chiedendo un incoraggiamento.
Mamma non l'ha mai privato di quella speranza, fiduciosa lei per prima che presto o tardi Teddy sarebbe spuntato fuori.

E poi un giorno un'amica cara, carissima, ha pubblicato sulla sua bacheca di Facebook la foto di Teddy.
E una sua amica dolce, dolcissima, ha risposto.
Esisteva un altro Teddy da qualche parte, non troppo distante da Villa Delirio, e la sua famiglia era disposta a donarlo a Dede semplicemente in cambio del sorriso del bambino!

Sono passati giorni, e poi settimane, e i brambilla sono tornati per Pasqua a Villa Delirio.
Teddy li aspettava nascosto in un sacchetto, finalmente consegnato nelle mani di nonno Buno dopo svariati tentativi falliti.
Si era mobilitata lei, Lavinia, si era mobilitata la polizia nella persona di suo marito, si era mobilitato il tribunale, si era mobilitata una praticante avvocato nella persona di Giovanna, e finalmente Teddy era planato a Villa Delirio.
Mamma, che teneva le fila da lontano, non poteva credere ai suoi occhi quando lo ha avuto fra le mani, e fremeva d'impazienza.
Ma solo l'indomani, mentre Dede giocava in un'altra stanza, Teddy è stato posato sul cuscino del suo letto, senza dirgli nulla.

Arrivato sulla porta, Dede gli è corso incontro senza dire una parola.
Difficile dire che cosa gli sia passato per la mente, ma è corso al letto gettando in aria il pupazzetto che aveva fra le mani, e ha preso Teddy in braccio guardandolo incredulo.
Poi l'ha posato sul letto in silenzio e si è allontanato, voltandosi indietro solo in fondo alla stanza per verificare di non aver sognato.

A quel punto è intervenuta Mamma: "Amore, ma è tornato Teddy, hai visto?"
Gli doveva una spiegazione, mentre lui correva a riprendersi Teddy con un sorriso che non riusciva più a contenere.
"Il tuo Teddy tesoro! Ti ricordi i cartelli che abbiamo messo in giro per cercarlo? Una signora che si chiama Lavinia lo ha trovato e mi ha subito chiamato. Lo ha curato, lavato e sistemato mentre lui stava da lei, è per questo che ha il naso nuovo, vedi?"
"Si, il naso di prima si muoveva e invece adesso è sistemato perchè Lavinia me lo ha curato, vero mamma?"
Mamma lo ha abbracciato e gli ha chiesto soltanto "Sei contento amore?"

"Mamma, sono felicissimo... e ora non lo perdo più, te lo prometto"

E mentre Dede è di là a giocare, con l'amico ritrovato sotto un braccio, e da cui non si è separato nemmeno per un istante, Mamma col cuore pieno di gioia ringrazia Lavinia per il bellissimo regalo che ci ha fatto, e la buona sorte che ce l'ha fatta incontrare.

17 commenti:

  1. Piccolo...sono troppo contenta per lui!

    RispondiElimina
  2. Oh, ma si può piangere??? Non so se sei tu brava a scrivere, lui dolcissimo o io piagnona... fammi asciugare gli occhi, va!

    RispondiElimina
  3. ah ecco, mi stavo preoccupando del fatto che mi fossi commossa fino alle lacrime, ma vedo che sono in buona compagnia.
    I bambini meritamo questo.

    RispondiElimina
  4. Ragazze la vostra partecipazione è tenerissima! Grazie per il supporto morale, e sapeste quanto mi sono commossa io... :))

    RispondiElimina
  5. E chi l'ha detto che non esistono i miracoli? Fatti da angeli che chiamiamo semplicemente persone...... Mi ha commosso questa storia, di come esistano ancora delle persone con un grande, grandissimo cuore. Che bello!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero! Lavinia è stata veramente fantastica, anche senza conoscerci! :)

      Elimina
  6. che bella storia. sembra magica....

    RispondiElimina
  7. Una storia vera a lieto fine, un episodio che potrebbe sembrare minimo, invece importantissimo per un bambino, la certezza che nel mondo ci sono ancora tante brave persone, sensibili e premurose.
    Grazie della condivisione. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E adesso ha anche imparato la lezione: non si porta più niente al parco, a meno di non essere pronti a perderlo!

      Elimina
  8. Lavinia era il nome di mia nonna materna.
    Mi piace pensare ad un segno, un dolce segno.
    Nonno br.

    RispondiElimina
  9. Ero rimasta malissimo quando Dede aveva perso Teddy e faceva finta che non gli mancasse. Avrei voluto vedere la sua faccia quando ha trovato il nuovo Teddy. E che tenerezza il suo allontanarsi, incredulo, con una felicità difficile da contenere. E che dire delle persone che hanno reso possibile questa gioia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un bambino che non mostra tanto le emozioni, sia negative che positive. Ma poi, ovviamente, i suoi occhi parlano!

      Elimina
  10. Oddio che emozione, che meraviglia, sniffffff!!!

    RispondiElimina