venerdì 5 aprile 2013

Maschi

"Ciao Dede" saltellava Gegècaca al nostro ritorno dalle vacanze in montagna: "guarda un po' cosa c'è per te!"
La bambina aveva in mano una bustina di carta piegata a mano, con dentro dei foglietti.
"C'è un disegno anche per te Rachele, uno per lui e uno per te. Non lo prendi Dede?" incalzava di fronte al riottoso amichetto.
"Ma non vedi che ho le mani impegnate?" ha risposto lui imbronciato.

"Ma Dede! Te li tengo io i pupazzi, prendi il disegno che ti ha preparato Gegècaca!" ha esclamato irritata Mamma.
"No mamma, aprilo tu per favore"
Mamma ha aperto la bustina artigianale con la bambina accanto sempre più emozionata ed impaziente, e dentro ha trovato due disegni ben piegati: un fiorellino rosso con la dedica per Mamma, e un fiorellino viola con la dedica per Dede.
Tante feste e tanti complimenti da parte della prima, silenzio e indifferenza da parte del secondo.

"Allora? Ti piace Dede? Eh? Dì! Hai visto? Ti piace? Eh? Eh?"
La discrezione non è ancora l'arte di Gegècaca, ma avrà tempo per imparare ad essere un po' più sostenuta. "Hai visto che ho scritto i nostri nomi? E ti ho disegnato una margherita"
Finalmente Dede si degna di rispondere: "Ma cosa dici. Quella non è una margherita. E' una viola, scusa, è viola!"

Mamma, creatrice di tanta mostritudine, ha pensato al modo più indolore per metterci una pezza, e al modo più incisivo per eliminare definitivamente dal suo genoma quelle Y di troppo per essere perfetto.
Ma lei l'ha preceduto ridendo e saltellando "Oh, che sciocca, hai ragione!" e battendosi la manina sulla fronte ha concluso "Hai ragione Dede, ho sbagliato, hihi, che sbadata hai proprio ragione tu, quella è una viola"
Quella mattina Mamma è uscita dall'asilo con la fronte corrugata e incerta sul da farsi, conscia che i maschi sono bruti anche quando sono piccoli e carucci, e decisa più che mai a modificare l'andazzo.

Sono passati diversi giorni, e eri sera Mamma ha deciso di cimentarsi in un'impresa titanica: fare ordine in casa (un minimo per lo meno, senza esagerare s'intende).
Ha preso alcuni disegni di Dede che stazionavano in cucina da giorni e glieli ha posati sul letto, compresi i disegnini incriminati.
Lui non li ricordava nemmeno.
Dopo la spiegazione, in bagno mentre faceva la pipì, le ha chiesto con una semplicità quasi disarmante: "Una viola! Ma perchè mi ha disegnato una viola? non poteva farmi una macchinina?!"
Nessuno racconterà mai a Gegècaca questa conversazione: che resti nell'illusione di un amichetto dolce e sensibile.

Ma decisamente maschi si nasce.

21 commenti:

  1. La settimana scorsa Paio (DUE ANNI....) ha preso in mano un libro di arte. In copertina la Maja Desnuda.
    "E' ciciona! Uauuuuuuuuuu!"
    Sì, decisamente maschi si nasce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! in effetti però è quello che dicevo anche io a mia madre, da piccola, quando mi parlava di quel quadro come di una meraviglia!!!

      Elimina
  2. l'importante è che ...lo si diventi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, diciamo che a noi non ci manca nè la bruschezza nè l'insensibilità! :)

      Elimina
  3. Già da piccoli ti rendi conto delle caratteristiche dei maschi e delle femmine che poi sono uguali ad ogni età.
    Per esperienza: tra un paio di anni ti divertirai ancora di più...... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, ma io gli meno a tutti e due!!! :)

      Elimina
  4. Beh, posso fare la ola alla franchezza?!
    Ti prego di non cambiare mai questa sua natura, magari insegnagli i modi giusti, ma la francchezza è una virtù. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, ma da bambina ipersensibile quale ero, spesso ho sofferto per la franchezza irriverente di bambini maschi. Dire la verità se richiesta è corretto. Se non viene richiesta, alcune volte è solo crudele. E poi i modi, si, i modi giusti sono la chiave di tutto!

      Elimina
  5. Bambine, poi ragazzine, poi adolescenti, poi donne...una strage farà tuo figlio :-D!!! Però è vero...è schietto! Baci, Rachele!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le scale ha salutato il vicino di casa con un "ciao ciccio!"
      io ho detto subito "Dede, ma che dici? Non si dice così ai grandi"
      e lui ha risposto "Perchè? è ciccione!"
      Il poveraccio ha riso, ma ok, c'è un limite alla franchezza :))))

      Elimina
  6. Il tuo e' proprio maschio maschio...il mio lo sta diventando ed io sono già preoccupata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In queste cose si. Poi gioca con le bambole e raccoglie fiorellini... ma vabè! :)

      Elimina
  7. Come la vedo dura..... Chissa' fara' una strage di cuori infranti....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo infrange prima la mamma, se continua così! eheheh! ;)

      Elimina
  8. He già .. i miei già dicono che non giocano con le bimbe perchè sono femmine o_O ...

    RispondiElimina
  9. Ma nooo dai...Certo la Y rovina un po' la generalità di un essere umano...però dai...mio figlio non manca mai di raccogliere, per me, fiorellini anche per strada e se sono in compagnia, di amiche mie, si prodiga per poterne offrire anche a loro almeno uno...Quando gli anni scorsi era fidanzato (ora ha ben 6 anni!!!!!!) pensava sempre alla fidanzatina per farle dei regalini!Un giorno al parco lui le ha regalato i fiori e lei li ha sbattuti per terra..(una con un bel peperino!)..Lui ancora un po' e piangeva dal dispiacere!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro lui!!! In effetti anche le femmine sanno essere acide, anzi, acidissime
      Anche Dede mi raccoglie i fiorellini e me li regala con un sorriso romanticissimo, ma per il momento è così tenero solo con me o al massimo con la nonna.
      E quando lo sarà con un'altra femminuccia... mi toccherà eliminare la "rivale" :))
      AHAHAHAH!

      Elimina
  10. Non mi ci far pensare!!!!! aiutooooo!!!! Io ho entrambi i fronti: non posso immaginare mia figlia nelle grinfie di un maschietto...e nemmeno mio figlio con una carognetta di ragazza...che...sono certissima...sarà odiosa!!!!!!

    RispondiElimina
  11. Io ho una figlia femmina che si comporta da maschio, ama le macchinine e i trenini. Aaaargh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ma la sensibilità è comunque da femmina... no?

      Elimina