lunedì 12 novembre 2012

Il torrente

Il livello del torrente è pericolosamente alto.
Mamma lo nota all'andata e se ne preoccupa un po'. 
Poi ci ripassa al ritorno e vede che sta per rompere gli argini. Un capannello di gente forma una lunga fila grigia e lucida davanti al parco dei Passeggi, nella città del mare.
Piove e sono tutti bagnati, senza ombrello, ma nessuno ha fretta.
"Avete visto il torrente? Sta per straripare", li allerta lei. "Cosa aspettate qui, danno forse qualcosa per l'inondazione?"
Il tipo interpellato da Mamma arrossisce appena, poi risponde che si, danno qualcosa, ma è soltanto del vino rosso...

Mamma scuote la testa e se ne va velocemente verso casa, a piedi.
"Devo sbrigarmi, se arriva l'inondazione come ci arrivo a casa... Ma soprattutto come prendo i bambini dall'asilo? Posso sempre appenderli col marsupio uno avanti alla pancia e uno dietro alla schiena... sarà un po' pesantino ma ce la posso fare. Anche perchè non ho altra scelta"
Un lieve senso di ansia la assale mentre cammina veloce lungo la strada di casa. Dell'acqua si riversa in strada, e Mamma sale sul muretto di una recinzione per non bagnarsi i piedi.
Non può rimanere lì ancora per molto perchè l'inondazione non migliorerà, e non c'è tempo da perdere se vuole che i bambini non corrano rischi senza di lei.
Poi l'acqua scema, e lei corre giù giù lungo la strada, fino a che vede che dalla montagna sta scendendo un nuovo torrente di acqua lungo la strada.
Sale su un cancello, il più in alto che può, sfiora gli spunzoni e guarda il fiume d'acqua che si riversa in strada.
Col cellulare chiama la zia novantenne per salutarla, poi pensa di chiamare suo padre per chiedere aiuto, prova a chiamare sua madre ma chiude il telefono e lo mette via: sa che nessuno l'aiuterà in quella situazione.

Deve correre a casa: prendere gli stivaletti per la pioggia dei bimbi e precipitarsi all'asilo a prenderli col marsupio, appenderseli al collo e portarli in salvo. Una lotta contro il tempo.

Poi Macco l'ha chiamata, e non sapremo mai come finiva questo sogno. 
So soltanto che Mamma ha vissuto un periodo terribilmente pesante fino allo scorso anno, buio e faticoso, e che ora ne è felicemente uscita.
Ha caricato i bambini al collo, ha inforcato gli stivali per la pioggia e ha superato il suo torrente in piena.
Ora sono tutti insieme in salvo.
Finalmente a casa.

21 commenti:

  1. E meno male che era solo un sogno! Li x li non lo avevo mica capito! E il mio pensiero e' andato a genova e alle tragedie accadute li poco tempo fa dove ho parenti e amici...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente le recenti inondazioni mi hanno influenzata e ho fatto questo sogno... Tutto bene i tuoi parenti e i tuoi amici?

      Elimina
    2. Si anche se ci sono stati momenti di panico perche' l'acqua era alta e sono riusciti a salvarsi x poco: tutti a genova hanno sottovalutato il pericolo e il risultato e' che adesso lanciano l'allarme anche x un battito d'ali, mah...

      Elimina
  2. Solo un sogno, meglio così.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ed era così vivido che sembrava vero!

      Elimina
    2. Infatti.
      L'hai descritto benissimo e mi avevi fatto venire l'ansia.

      Elimina
  3. viva le uscite felice dai torrenti in piena :)

    RispondiElimina
  4. tutto è bene quel che deve finire bene!

    RispondiElimina
  5. in questo sogno è racchiusa tutta la fatica dell'essere mamma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, l'ho pensato anche io. E che fatica è stata con 2 piccolissimi...

      Elimina
  6. Se segno l'acqua dicono significhi "liberazione" da qualcosa che ti opprimeva...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerato che l'acqua mi arrivava addosso come un'inondazione, la liberazione deve essere stata quantomeno dirompente! ;)

      Elimina
  7. Oh mamma! Per un momento ho avuto paura!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa, hai ragione, non lo faccio più...

      Elimina
  8. Mi stavo già arrovellando per come inoltrare un messaggio alle forze di Polizia milanesi per trarvi in salvo...accidenti Ra, la prossima volta metti un incipit: si comunica alle amiche lettrici che le drammatiche vicende di seguito riportate sono frutto di paturnie oniriche della sciura Brambilla. Ahahah, almeno non ci viene un coccolone!!! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho scritto in contemporanea da te! :)
      Si, mi sono resa conto solo dai vostri commenti che forse, con quello che sta succedendo qui vicino, forse non si capisce subito che non è la realtà...

      Elimina
    2. Ci stiamo inseguendo perché ti ho appena risposto da me :-). Pazze in rete ;-). Baci cara e buona serata!!

      Elimina
  9. Io l'ho vissuto in prima persona, fortunatamente non sono stata travolta... ma posso assicurare che un torrente, fiume, frana etc... solo a guardarle dal vero, fanno davvero paura :(

    Per fortuna la tua esperienza era solo un brutto sogno! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Deve essere più terrificante di quanto possiamo immaginare.
      Stamattina ho visto la foto di un fiume "nostrano" in piena, e ho provato la stessa sensazione di ansia del sogno... è molto brutto.

      Elimina