martedì 13 novembre 2012

L'offerta di lavoro

(Sottotitolo: Trova le differenze)

Mamma:
Pronto, Brontolo? Sono molto giù!
Una signora mi aveva chiamata per un lavoro, io le ho detto alcune cose e lei dopo mezz'ora mi ha richiamata e ha detto che ci deve ripensare, che mi farà sapere fra un paio di giorni.
Vedrai che non mi chiama più, e ci sono rimasta maaaaaleeeee!

Brontolo:
No, che strxxxx...
Bè, certo che non ti richiamerà, ci scommetto. Ma perchè quando ti ha chiesto questo e quest'altro non hai risposto diversamente? Sei stata proprio scema a rispondere come hai fatto, insomma, hai sbagliato tu!

M: Lo so, lo so, ma io non ce la faccio a dire bugie. Uno deve sapere le cose come stanno. Non è strxxxx, poveretta, nei suoi panni nemmeno io mi chiamerei più... però sono dispiaciuta!

B: Eh, anche io sono dispiaciuto! Ma che scema che sei stata, hai proprio sbagliato tutto, ci potevamo divertire, ti avrei aiutata io la sera perchè mi piacciono quelle cose, insomma, bla, bla, bla...

M: Amore? Dai, può bastare. Ora vado: sto già molto meglio ora che mi hai consolata tu. Grazie.
Click.

Mamma, stranamente poco rinfrancata dalla telefonata, ci riprova.
Pronto, Sorilla? Sono molto giù!
(stessa solfa di prima)

Sorilla:
Embè? Ti chiamerà qualcun altro. Si, magari hai sbagliato a rispondere così, ma hai imparato per la prossima volta, no? In fondo ti ha presa alla sprovvista, non eri preparata. E poi che ne sai che ci vuole ripensare a causa della tua risposta? Magari ci avrebbe ripensato comunque.


Qualcuno mi può spiegare il motivo, ma quello vero, per cui le donne si sono andate a complicare così tanto la vita con questa storia dell'amore eterosessuale?

34 commenti:

  1. Perché loro ci servono per quella cosa lì..., insomma, per non far morire la specie umana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tanto arriverà il giorno che sistemeranno anche quella "piccola" necessità lì... ;))

      Elimina
  2. Ecco! Lo dico sempre io! La prossima volta che rinasco voglio essere lesbica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che bello poter parlare la stessa lingua e capirsi senza spiegazioni!

      Elimina
  3. se lo scopri fammi un fischio che sono curiosa!

    RispondiElimina
  4. Una volta mi era capitato di fare un colloquio, mi dissero che era andato bene e che mi avrebbero chiamato due giorni dopo per farmi sapere quando tornare per la "messa in prova". E così è stato ma... dall'altra parte della cornetta c'era la voce di una donna, suppongo una segretaria in prova, che bisbigliando mi disse: "salve, lei stamattina aveva appuntamento qui". Io rispondo che di appuntamenti non ne avevo anzi, aspettavo proprio la loro chiamata per prenderlo! Morale: sento la donnina che riferisce al capo: "eh, dice che non si ricordava...ma vi giuro che io l'ho avvisata ieri!" Cooosa?!? Che bugiarda! E ovviamente il boss le sussurra: "peccato, mi sembrava in gamba ma se è smemorata non può fare la segretaria". E mette giù. Avevo la carogna, sarei corsa da loro per chiarire che la "signorina in prova" non mi aveva per nulla avvisata, ovviamente per avere lei il posto! Ma in quel momento non potevo perchè il destino mi era avverso: ero al mio ultimo giorno di lavoro (il giorno dopo mi scadeva il contratto), a scuola con un minore a carico per cinque ore da sola...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, che nervoso!!!!
      Quindi non ti sei nemmeno tolta la soddisfazione di dire al capo le cose come stavano? mamma che fastidio...

      Elimina
  5. mia zia mi dice sempre: "non ti sposare tesoro, il gioco non vale la candela".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ma anche con la convivenza cambia poco: sempre maschi sono! Il problema sta ancora più alla radice!

      (Almeno col matrimonio puoi mettere il vestito bianco, motivazione validissima per sposarsi, no? ahahahah!!!)

      Elimina
    2. Saggia la zia, saggia...ma lei si e' sposata?

      Elimina
  6. me lo chiedo spesso anche io....chissà se le cose cambieranno mai veramente per noi donne in questo paese troppo maschilista.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende solo da noi mamme di maschi!
      mettiamoci sotto e facciamo loro un bel lavaggio del cervello, ok?

      Elimina
  7. forza rachele!!! ha ragione sorilla! ti chiamerà qualcun'altra!

    RispondiElimina
  8. Insomma, se una tizia si sente un po' così e vede in lontananza il sig. Brontolo...meglio che cambia strada ;-). Comunque, sono d'accordo con Sorilla! Non disperare!! Baci

    RispondiElimina
  9. Non disperare.
    Batti batti che alla fine qualcosa arriva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Slceros, Ros e Ata: aggiornamento dell'ultimo minuto. Mi ha chiamata! ha detto che le vado bene! :)))

      Elimina
    2. Rachele, che bella notizia!!! Sono davvero felice per te!! Festeggia stasera, mi raccomando! Ti abbraccio e aspetto con ansia le news su questo fronte :-))))))

      Elimina
    3. Benissimo!
      In bocca al lupo!

      Elimina
  10. La mia risposta è: ciò che non uccide, fortifica.
    Pensa all'evoluzione del genere umano femminile: FORTISSIMO!!!!
    ;D

    P.S. Credo che un'esperienza come la tua (il "ci devo pensare" della signora), sia più comune di quanto si pensi, forse la normalità, purtroppo.
    ...ma le hai detto che sai aggiustare le serrature?! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! quasi quasi lo aggiungo nel CV! :)))

      Elimina
  11. Per il lavoro sono felice che tutto si sia risolto. Per il marito ... capita spesso che io mi faccia le tue stesse domande, ma per ora nessuna buona risposta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, insomma, è un lavoretto da poco... ma sono contenta di farlo!
      Sarà contento Brontolo, così si potrà divertire LUI :)

      Elimina
  12. Mi sa che la signora era più in sintonia con Sorilla che con Brontolo! Bene! Tienici informati!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo la signora si sia fatta due conti e abbia messo sul piano della bilancia la mia poca esperienza e la mia bassa cifra, ahahah!

      Elimina
  13. Anch'io ai colloqui non sono mai riuscita a mentire per farmi assumere... e allora mi sono messa in proprio (nel periodo più giusto oserei aggiungere) così posso essere sincera con me stessa e i clienti.. sono una mosca bianca del settore;P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dicono che bisogna "sapersi vendere"...
      Ecco, io non saprei vendere nemmeno una bottiglia d'acqua ad un assetato nel deserto :)

      Elimina
  14. Dopo aver letto il post ho visto l'aggiornamento nei commenti. Nessuna amica ti ha chiesto che tipo di lavoro offri...ma che è..solo io non o so?
    Te ne racconto una di molti anni fa.
    Avevo circa 20anni. Leggo un annuncio in cui si cerca una segretaria per un'agenzia immobiliare. Io ero carina, sveglia, parlantina: ci provo e vado a colloquio nel giorno stabilito.
    Al colloquio il titolare mi dice la solita frase:"la richiamerò per farle sapere entro tre giorni"
    Chiaro che avevo l'ansia di sapere...Aspetta e spera che poi s'avvera.
    Non chiama nemmeno al terzo giorno. Imbufalita richiamo io e gliene canto quattro per la sua mancanza di serietà nel trattare con la gente. Gli dico che la parola data si mantiene e che non è corretto il suo comportamento.
    A fine telefonata ero viola!
    Prima di salutarmi il tipo mi fa:" Bel caratterino! venga in ufficio lunedì prossimo che inizia a lavorare!"
    hahahaahahahahahahha l'ho trattato malissimo e mi ha assunta!!!! ahahahahahahahaahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastico! ti avrei assunta pure io!!!! :)

      In realtà questo non è un vero lavoro e no, non mi ha chiesto nessuno di cosa si tratti! quasi quasi ti rispondo in privato così lo sai solo tu! ahahah!

      Elimina
    2. Daiiiii io aspetto una mail eh! dai dai dai....:-)

      Elimina
    3. No, no! Voglio sapere anche io, sto rosicando dalla curiosità! E che significa "non è un vero lavoro"? Ma ti pagheranno almeno? Ahahah. Ne racconto una mia: mi presento ad una selezione per fare la segretaria, anche nel mio caso, per un'agenzia immobiliare. Tante ragazze. Arrivano due tizi con giacca e cravatta e iniziano i colloqui. Dopo tre ore arriva il mio turno. Mi fanno il pelo. Ha la laurea? Sta usare il PC? Parla una lingua? Quali sono i suoi sogni? E bla bla. Alla fine dicono che ci faranno sapere. Un paio di giorni dopo mi richiamano: "complimenti! Lei è stata selezionata!". "Accidenti, che fortuna! Che sorte benevola! Sono davvero contenta ma...posso fare una domanda che mi sembrava inopportuna al momento ma che adesso mi sembra di primaria importanza?". "Certo!". "Potrei sapere il quantum? Cioè, insomma, quanto è lo stipendio?". "Ma, veramente...questo aspetto lo avevamo omesso perchè in realtà l'agenzia non ha soldi. Si pensava, dopo qualche mese, di offrire un rimborso spese...sempre che l'attività decolli!". Non vi dirò quello che gli ho risposto perchè sto ancora lavorando duramente per diventare una signora. Ahahah

      Elimina
  15. Anch'io voglio sapere cos'è questo lavoro-non lavoro. In ogni caso, complimenti!

    RispondiElimina
  16. Dicevo che non è un "vero" lavoro perchè è a tempo determinato: si tratta di un ciclo di lezioni che devo tenere a delle classi.
    La cosa mi piace molto, ma purtroppo non ha un futuro!

    RispondiElimina