giovedì 14 marzo 2013

Francesco

Ora 19.20, Mamma è incollata allo schermo.
Non capita tutti i giorni di assistere ad un conclave e, come otto anni fai, lei lo ha vissuto con grande curiosità e fermento. Nemmeno fosse lei uno dei papabili...
Come Mamma, probabilmente mezza umanità stava facendo la stessa cosa.
O quasi.

Mentre lui era nella cappellina che pregava, loro mangiavano la zuppa di carote di Topo Tip e litigavano per i bavaglini. (Non so il resto dell'umanità)
Quel pover'uomo forse ancora faticava a rendersi conto di quello che gli stava capitando, e loro concludevano la cena con un dolce un po' bruciacchiato fra urla e improperi di Brontolo, impazzito per le briciole, in giro per la cucina con la sua ramazza in mano.
Infine lui si incamminava verso la famosa finestra e la luce si accendeva, mentre da San Pietro si levava un boato e lei si sedeva impaziente sul divano, con Dede che le saltava sulle gambe chiedendole il significato dei nomi di tutti i dinosauri.

Poi Dede è sparito, Brontolo si è placato e seduto vicino a lei, Macco è rimasto silenzioso in cucina a giocare col provvidenziale cellulare.
Finalmente la quiete!
Si vede un'ombra avvicinarsi al vetro, stanno aprendo la finestra.
"Mamma! Mamma" le pare di sentire. Ma è troppo concentrata per sintonizzarsi sulla sua vita familiare.
La chiamata continua insistente e la finestra è ancora chiusa. Solo in quel momento realizza che ciò che il bambino ripeteva, più che "Mamma! Mamma!" suonava come "Cacca! Cacca!"
E mentre l'arcidiacono usciva traballante per l'annuncio tanto atteso, qualcuno sulla tazza del water chiamava a gran voce il suo servo della gleba.
"Tesoro, stai lì che te lo scordi che venga proprio ora!" risponde la premurosissima madre con un tono che non lascia speranze.

L'annuncio è stato fatto, e ora non resta che vederlo e sentirlo parlare.
Si sente un po' parte della storia, a vivere questi momenti in diretta, e pensa che quando fra cinquecento anni elencheranno i nomi dei papi, almeno per due di loro "lei c'era".
Lui esce sul balcone e sorride lieve. Si nota appena un respiro affannoso che ci mancherebbe, vorrei vedere chiunque di noi nei suoi panni, anzi lei si sarebbe già messa a piangere ad essere nominata papessa e trovarsi davanti a tutta quella folla, a tutte quelle aspettative per il resto della sua vita.
E' quasi emozionata per lui e forse anche un pochino invidiosa. (Papessa... dai, forte no?)

"Mamma? Ma chi è quello con la maglietta bianca? Eh mamma?"
Dede è tornato pulito, e dalla cucina un urlo disperato fa capire che il cellulare si è scaricato.
"Adesso mi puoi leccare l'orecchio come prima mamma, che mi facevi tanto solletico?"
Lui inizia a parlare, Mamma ha i brividi, la quiete è finita.

(E per diventare papessa, dovrà aspettare ancora un bel po'!)

10 commenti:

  1. Il racconto di come hai assistito alla proclamazione del nuovo Papa è proprio carinissimo e divertente, come sai scrivere tu, cara Rachele!!
    A me Papa Francesco ha fatto proprio una bella impressione, semplice e paterno. Speriamo sia il Papa giusto per questi tempi difficili!

    RispondiElimina
  2. Oggi leggere tutti questi post dedicati a lui, mi fa vivere emozioni molto forti.Ieri sera è stato bello e lui ha spalancato un sorriso nei nostri cuori. Un pò affranti per il periodo ma che sperano in un nuovo inizio. Credo che quel "Buonasera" messo li, all'inizio, ne sia la conferma.

    RispondiElimina
  3. hehehe su FB leggevo commenti sarcastici sull'assurdita' del fatto che ce l'han fatta a fare un Papa ma il governo ancora no...
    Cavoli pure voi espatriate? Io comincio a preoccuparmi O_o

    RispondiElimina
  4. Noi 3 (il n.4 era in palestra) invece eravamo incollati alla tv. Quando è stato annunuciato, un tuffo al cuore, un sollievo inaspettato, un silenzio di preghiera, qualche lacrima di commozione. :)

    RispondiElimina
  5. :D! in casa nostra trambusto simile, ma dovuto a bimba che voleva le cambiassi la puntata dei cartoni strategicamente accesi su YouTube (abbiamo un televisore) e che non si voleva decidere. Sul più bello l'ho lasciata perdere spazientita!
    Anche a me ha fatto simpatia a pelle!
    Speriamo, abbiamo tanto bisogno di ricominciare a sperare....

    RispondiElimina
  6. Emozionante!! soprattutto per il modo in cui ci ha coinvolto con la preghiera del Padre Nostro che ci ha fatto davvero sentire tutti fratelli...poi il nome:Francesco, segno molto chiaro di come si svolgerà il suo papato!!! Evviva Papa Francesco!!!

    RispondiElimina
  7. Ti devo proporre come telecronista a Radio Maria :-D. Faresti faville ;-). Sì, devo dire che Papa Francesco mi piace, è un uomo semplice e ho qualche aspettativa su di lui. Baci Ra!

    RispondiElimina