lunedì 18 marzo 2013

A zio Michele

Il problema è che dopo un po' ti ci abitui a che siano sempre lí, i tuoi vecchi, e pensi che lì rimarranno per sempre. Perché hanno resistito a tanto, hanno visto persino la guerra, ed è il tuo punto fermo sapere che ci sono.

Il problema è che anche se lo sai, anche se pensi di essere preparata, in realtà pronti non si è mai, anche se hanno più di novant'anni e si stanno spegnendo a poco a poco.

L'ultima volta l'ho visto via Skype. Si era vestito elegante e aspettava l'orario del nostro incontro virtuale da ore. Si era vestito elegante per vedere me e i bambini attraverso un monitor miracoloso.
Si era vestito elegante!
Mentre aspetto che parta il mio volo mi accorgo che non mi sono vestita elegante per lui. Ho preso le prime cose che ho trovato, ho salutato i bambini, non mi sono nemmeno guardata allo specchio.
Ma che importa.

Ti voglio vedere, zio, voglio accompagnarti nel tuo ultimo giorno come tu hai accompagnato me nel mio primo, in una folle corsa di una notte di Marzo, tanti anni fa.
Ti voglio salutare, zio, guardandoti in faccia e pensando che tu possa dirmi "Ciau Richi!" ancora una volta.
Ti voglio accarezzare, zio, quelle mani che hanno tenuta stretta la mia mano di bimba per tutte le strade che abbiamo percorso insieme.
E ti voglio ringraziare, zio, per tutto quello che ho ricevuto da te, per gli innumerevoli pomeriggi passati a giocare a carte con i bottoni, per le passeggiate in montagna con la piccozza, per le partite a scopa undici, per le sagre paesane a cui ci portavi, semplicemente seguendo la musica nell'aria, per avermi aspettato giornate intere a bordo pista sui campi da sci, e per avermi adorata come un vero nonno, più di un nonno, col tuo modo un po' burbero.

Ciao zio, stammi bene.

17 commenti:

  1. Un Grande zio..... Un abbraccio forte

    RispondiElimina
  2. Anch'io avevo uno zio così, e mi manca da morire. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. Legami così non si spezzano mai.
    Ti abbraccio Rachele, con affetto.

    RispondiElimina
  4. Che peccato, ciau zio di Rachele...
    Bacini

    RispondiElimina
  5. Che gentleman... si era vestito elegante per l'occasione di vedervi con skype. Che zio fantastico che hai avuto!

    RispondiElimina
  6. Che bel saluto, che bell'amore...l'eleganza spesso non è solo esteriore.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Che meravigliosa malinconia salutare degli affetti così. Siamo state fortunate ad averli. So che toccherà anche a me (se va bene tra pochi mesi) scrivere un post come il tuo, per una zia che è stata una nonna. Spero di essere pronta e brava come te. Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  8. che poesia d'amore e tristezza.........in più ho una fortissima stima per chi si veste ancora elegante perchè da importanza al gesto che sta facendo...
    un bacione!!!!

    RispondiElimina
  9. Sono sicura che sia molto fiero di una nipote così. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Dolcissimo saluto! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Un abbraccio a te, dolce amica, che oggi sarai triste. Pensa però che fortuna averlo incontrato! Con affetto, Ros

    RispondiElimina
  12. mi dispiace moltissimo e ti abbraccio porgendoti delle condoglianze che, sebbene virtuali, ti assicuro sono sentite...

    RispondiElimina