giovedì 20 marzo 2014

Olio su tela

Vagolando un po' in rete, Mamma si è fatta convincere dalle brave mamme artiste a preparare un pensierino per la festa del papà.
Non per altro, ma collezionare tutta quella serie di regalini da asilo è una cosa che le piace tantissimo, e siccome in Germania il 19 marzo non si festeggia ha avuto la brillante idea di prepararlo da soli in casa.

Facile, dolce, divertente.

Ha comprato le tele, i colori ad olio, poi ha pensato e ripensato a che tipo di dipinto far fare ai bambini, immaginando il disastroso risultato.
Così ha optato per delle coloratissime impronte di mani e piedi, ad imperitura memoria, e già che avanzava lo spazio ha addirittura disegnato un cuore a mano libera, tutto da sola, sentendosi molto vicina allo stimato collega Claude.

Facile a dirsi.
Facile pure a farsi.

Ma poi Mamma ha imparato sulla sua pelle la differenza fra colori ad olio e acrilici.
E anche sulla pelle di Dede ad essere sinceri.
E anche sulle piastrelle del bagno, e sul divano bianco, e sui pantaloni celesti, e sulla porta, e sul pavimento, e sulla tuta dei bambini, e sui calzini, e... insomma, chiaro no?

Mentre i pupi venivano pitturati a turno e poi invano strigliati nel lavandino (perchè i colori ad olio, per definizione, sono idrorepellenti), la tela si riempiva di un'opera d'arte unica e irripetibile, che fra 30 anni probabilmente farà commuovere.

Per il momento, dopo il bilancio di tele, colori, abiti da buttare, prodotti per smacchiare e casa da bonificare, la sua opera d'arte le fa venire solamente da piangere...

16 commenti:

  1. Oh mamma non voglio immaginare il disastro!!! Ma l'opera d'arte è degna di una foto?

    :)

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente :) pubblicata nella pagina fb!

      Elimina
  2. perchè hai snobbato i colori superlavabili per bambini???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onestamente? ho comprato quelli che ho trovato, e non avevo idea che fossero così... Cmq a metà dell'opera li ho sostituiti con avanzi di colori per bambini che avevo in casa :)

      Elimina
  3. Non potrai mai dire che non è un opera da ricordare, ecco! :D

    La prossima volta, scegli le buone e vecchie tempere Giotto lavabili ma durevoli (su tela intendo)! ;)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo indelebile, è il caso di dirlo! :)
      Si, sicuro, la prossima volta però basta con l'arte pittorica!

      Elimina
  4. corro subito su FB a vedere l'opera d'arte... ti dico solo che io oggi ho comprato i colori a dita...!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'hai vista? sei ammirata? ;)
      i colori a dita li abbiamo presi a natale noi... ancora mai usati! ahahah!

      Elimina
  5. Risposte
    1. Ha detto di si... Poteva dire altrimenti? ;)
      domani gli ho detto che può portarlo e appenderlo in ufficio. ahahhaha!

      Elimina
  6. Benedetti gli asili italiani, che almeno a questo ci pensano ancora loro!!!
    Lavoretto punteggiato e pesia a memoria!!!
    Servizio completo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti questo ci è mancato. chissà se almeno la festa della mamma si festeggia... perchè se aspetto che lui faccia fare dei lavoretti a loro, allora campacavallo!

      Elimina
  7. Uh no! Io non mi sono mai fatta tentare da queste imprese all'apparenza innocenti e in realtà apocalittiche!!! :D
    Dai, almeno avete creato un'opera unica e irrpetibile, il papà avrà gradito spero ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irripetibile è la parola giusta. in tutti i sensi! ehhehe!
      Purtroppo non era questo capolavoro, ma le impronte dei figli non si possono che gradire!

      Elimina
  8. Anche noi tante prove creative, poi siamo andati nella cartoleria sotto casa!

    RispondiElimina
  9. o no!!! Tragico errore! Fortuna che sei un tipo che non si abbatte!

    RispondiElimina