martedì 18 marzo 2014

Se il temp è matt...

E' il diciassette marzo, ed è chiaro come si debba andare vestiti in questo periodo.
Mamma indossa una maglia di lana col collo alto, il cappotto, la sciarpina e il berretto. E già che va a prende i figli all'asilo, si infila anche le mani in tasca, vuoi mai una corrente d'aria...
In fondo siamo in Germania, mica ai Tropici.

Quando arriva all'asilo a prenderli, i bimbi sono fuori a giocare.
Cerca fra i compagnetti una conferma al suo gesto inconsulto: oggi ha mandato i bambini a scuola senza berretto, e imbacuccata com'è lei, si sente una pessima madre. Ma a guardarli, anche le altre mamme devono essere pessime, e si sente sollevata.
Arrivata in giardino, li identifica subito.
Anzi, lo identifica.
Il bimbo magrolino e completamente sdentato che zappa nella sabbiera con la delicatezza di un neurochirurgo, è il suo. Infagottato nella giacca a vento di mezza stagione.
(Brava creatura. Ma come mai non hai il maglione sotto? Non hai freddo? Sicuro di non aver freddo? Fà un po' sentire le mani)
E Macco? Macco dove sei? E Macco dov'è? Macco non c'è?
Ma Macco è là, a tre passi da loro.
Senza giacca.
Senza felpa.
In maglietta, come tutti gli altri bimbi.
Orrore!
(Ma non hai freddo? Sicuro che non vuoi la giacca? E la maglia? Nemmeno la maglia? No, questo non è figlio mio...)

E lascia stare che il giardino è invaso dalle api, e sono già in piena frenesia estiva.
E lascia stare che ci sono 21 gradi.
"Se il tempo è matto, io non sono matta!", dice Mamma citando il saggio padre.

Poi prende i bimbi per mano, infila il maglione a uno, allaccia il giaccone all'altro, e finalmente si sente in pace.

17 commenti:

  1. non si capisce più nulla con queste temperature!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui fa 20 gradi già da febbraio... non c'è più religione! :)

      Elimina
  2. In Germania, come i tedeschi! Io, per disperazione, ho tolto da mezzo i maglioni ben due settimane e mezza fa! Non sono matta ma mi serviva spazio negli armadi! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai qual è il problema? è che io sto proprio bene col mio cappotto e il maglioncino di lana!

      Elimina
  3. No dai, poveri piccoli!
    Io odio questa mezza stagione in cui non sai mai come vestirti!
    Con il nano, uso lo smanicato o un gilet...la pancia e' coperta e io mi sento tranquilla però lui sente fresco alle braccia e suda meno, così e' felice pure lui. Prova!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I gilet non li ho mai capiti in effetti, non li uso mai... però potrebbero essere una soluzione! Cmq io e Fede stiamo benissimo così coperti, è Marco il vero crucco di casa!

      Elimina
    2. Anche io sto scoprendo il fantastico monto degli smanicati! È il mio primo inverno da mamma e già sto impazzendo: solo per andare al supermercato qui vicino, a piedi, mi avranno preso per una matta: pezzo di strada al sole - apri un po' la giacchina, Madonna si suda, leva il cappello di pile - giri l'angolo, ombra. -36 °C. Arimetti il cappello, chiudi la giacca, imbacuccalo nel passeggino...sarà per questo che oggi io e lui abbiamo la tosse?!?! Uffa!! Estate!!!! Ma in Germania non vanno in giro con le scarpe aperte anche in inverno? :)

      Elimina
  4. Quando andavo io all'asilo in Germania (ricordi bellissimi) un giorno mia madre mi portò tutta imbabbuccata. C'era la neve... La maestra, anzi la Frau (non ho i caratteri speciali sulla tastiera) sgridò mia madre. Mi tolse il cappotto e i due maglioni. Rimasi con la maglietta interna, quella intima... E mi mandò a giocare fuori... Beh sono ancora viva... Mi ricordo un altro italiano che aveva le labbra viola dal freddo, sua madre piangeva, ma la maestra non voleva sentir ragioni... Dopo un pò la madre tornò col padre, convinti di fare chissà quale scenata... Ma lui giocava fuori come tutti noi, e stava bene...

    Ovviamente tornata a casa mia madre mi rimetteva di nuovo maglioni e tutto... Ma non so perché, credo non mi facessero tanto bene questi sbalzi di temperatura!


    Maira
    inunastanzaquasirosa.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche la maestra di Marco mi ha sgridata per la giacca pesante! :))
      Ma quando usciamo di casa ci sono 5 gradi, non posso mettergli quella leggera! Anche loro lo scoprono sempre... e ora ha un raffreddore pazzesco! >:(

      Elimina
  5. L'aneddoto nasce così.
    Era il 2 giugno. Quel giorno, il conte Bracci tira fuori dall'armadio il doppio petto di lino bianco e lo indossa. Si reca, come al solito, al bar Centrale.
    Quel giorno, tuttavia, diluviava.
    Fu li che, in risposta a chi gli chiedeva spiegazioni del cambio d'abito (estivo) che il conte rispose, non è chiaro se in dialetto:
    Se il tempo è matto, io non sono matto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pensavo piuttosto alla festa d'agosto in cui ti sei presentato con la maglia col collo alto... :)

      Elimina
  6. haaaa io oggi ho ceduto alla mezza manica sotto il grembiule 100% poliestere ...ieri boccheggiavano ...pero' le felpe loro son li che ancora occhieggiano e aspettano che torni il loro turno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Loro sono vestiti a strati da perfetta cipolla, e hanno maglietta, felpa leggera o pile pesante a disposizione all'asilo. MA NON SIGNIFICA CHE DEVONO ANDAR FUORI SENZA NIENTE! quelle sono matte!!!!! :))))

      Elimina
    2. hahaha concordo ...non avevo mica capito sai!!!
      mattemattissime!!

      Elimina
  7. Ahahah, mi hai fatto morire dal ridere!

    RispondiElimina
  8. Come ti capisco! Questo we c'erano 25 gradi eppure Gil unico tra tutti con il cappellino! Arrivati ai giardini, tutti gli altri bambini correvano spensierati con i capelli al vento...ho subito pensato: "Gil corre poco, non si muove così tanto da sudare. E poi è sempre sull'altalena, quindi sente il "venticello" in testa..."

    RispondiElimina
  9. Questi giorni vivo in bilico tra il "Lasciali respirare" di mia madre e la vocina interiore dell'ansia che mi dice "non li scoprire". Si è tempo di primavera e un pò si sente eppure c'è una brezzolina che non mi convince e quella è la più subdola.

    RispondiElimina