giovedì 14 novembre 2013

Lo stupido

"Voglio la mamma!" urlava Dede scalciando fra le braccia dello zio Paio, in un pomeriggio non troppo lontano di cui abbiamo già parlato.
"Ma scusa c'è lo zio che ti aiuta a lavare le mani, perchè non puoi farlo con lui?"
"Perchè lo zio è uno stupido!"

Due giorni dopo...

"Salta! Schiva! Curva! Bravooo!" dice Mamma saltellando innervosita: i videogiochi non sono cosa per lei, non regge la tensione nemmeno quando a giocare è qualcun altro. "Ma che bravo che è papà con questo gioco, vero bambini?" chiede ammirata ai figli.
Loro sono a bocca aperta incollati al video, e non si perdono una mossa dell'eroico genitore.
Poi una risposta emerge fra la musica incalzante e i plin dei punti guadagnati:

"Per essere un papà un po' stupido è proprio bravissimo"

Temo che Mamma abbia un tantino esagerato nel trasmettere ai figli il concetto di innata superiorità femminile...

15 commenti:

  1. No no, nessun timore. Certi concetti vanno inculcati ben bene per tempo! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici? e io che mi sentivo in colpa... :)

      Elimina
  2. concordo con elizabeth: meglio iniziare per tempo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok, allora direi che sono proprio a buon punto!

      Elimina
  3. Ahahahah...meglio esserne consapevoli!!!

    RispondiElimina
  4. Bisogna iniziare da piccoli!!! Sopratutto se sono ometti!!!
    Concordo appieno alla linea educativa brambillen

    RispondiElimina
  5. ah ah ah ah mi sembra di risentire i miei grandi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male che i miei non sono gli unici allora!!!!

      Elimina
  6. Insegna loro: idiot savant!
    Parole più eleganti e significato più ampio... ;)

    RispondiElimina