martedì 26 novembre 2013

Dal dentista dei bambini #2

Ci riproviamo.
Questa volta deve essere quella giusta, pena la scomunica e la fustigazione in sala mensa.
Mamma si è incisa data e ora dell'appuntamento sull'unico neurone ancora funzionante, e questo le ha impedito di usarlo per qualsiasi altra attività, rimanendo nel black out totale per giorni.
Ma puntuali, quella mattina, loro erano lì.
Certo, dopo una controllatina all'agenda, perchè non si sa mai.
E anche perchè all'ultimo momento non si ricordava più a che ora dovessero andare, dal dentista.
E nemmeno più del codice del bancomat.
Ma questo importa meno.
Dicevamo? Ah, il dentista.

La dentista e il suo pancione sono arrivati più belli che mai.
"Lei si accomodi là, tu invece sali sulla poltrona. Guarda, fa su e giù, ti piace?"
Dede sorride e Mamma lo guarda dalla sua seggiolina in fondo alla stanza.
"Ora ti metterò una pomata per fare addormentare la gengiva"
"D'accordo. Tiro fuori il pisello?"

Oddio, queste mi denunciano ai servizi sociali se non gliela spiego... ride come una scema Mamma.
Poi ridendo spiega all'infermiera italo-tedesca che il pediatra gli aveva prescritto una pomata per un'infiammazione, ecco perchè era già coi pantaloni calati.
Loro non sorridono nemmeno un po'.

Poi la dentista fa l'anestesia, buca, cura, sciacqua, asciuga e sigilla mentre Mamma non resiste e si accoccola ai piedi del bambino, tirati su a martello per la tensione, per stringergli la manina calda.
Ad ogni nuova tortura lui la guarda, cerca la sua espressione per capire se deve avere paura.
Mamma sorride e annuisce, gli dice che è bravissimo e lui si tranquillizza.
Ogni volta che la dentista si ferma lui racconta del nuovo dentino caduto, del regalo del topolino e di tutti i suoi insetti, mentre Mamma lo guarda con tenerezza.
Loro portano gli occhi al cielo per l'impazienza.

Dopo una mezz'oretta Dede è come nuovo, ed è stato bravissimo.
"Allora amore, com'è andare dal dentista?" chiede Mamma.
"Bello!" risponde lui.
"Oddio, dai, non esagerare..."
"Ok. Bellino" si corregge col suo regalo in mano.

La dentista però non è d'accordo: non è stato sufficientemente bravo, a suo dire.
"Si muoveva", pare abbia detto alla fine, storcendo il naso.
Si muoveva. Assurdo in effetti.
Perchè in fondo, agli occhi di una che i pazienti li addormenta e li intuba, anche la sola velleità di respirare può risultare fastidiosa.


P.S.
La prossima volta si raddoppia: anche Macco sarà sotto i ferri, e verrà aggiunto al gruppo dei bambini che "si muovono".
Fin da ora Mamma ha il neurone impegnato.
Quindi per piacere, ora che lo sapete, portate pazienza...

17 commenti:

  1. Tosta la dentista eh!! Comunque, un bravo a Dede da parte mia perché il dentista generalmente incute timore nei bambini e invece lui è stato bravissimo;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povero cucciolo...speriamo sia così anche la prossima volta. io ho già paura! :)

      Elimina
    2. Nei bambini?? Io quando vado dal dentista ho i brividi dalla sera prima, pure per la pulizia. Dede è un fenomeno e il personale merita un calcio nel sedere. E sono tenera. Tu sei stata bravissima. Io non ho lo stesso potere con Vittorio. Stamattina ha fatto due iniezioni per il vaccino, era spaventato ma con tutti i sorrisi e i baci del mondo non sono riuscita a tranquillizzarlo... ha pianto come un matto! Per fortuna però è andato tutto bene, anche grazie agli infermieri che in quel centro vaccinazioni sono davvero in gamba e disponibili... :)

      Elimina
  2. Risposte
    1. Dettagli, dettagli... un bravo paziente non si muove nemmeno per respirare

      Elimina
  3. Certo che in materia di sensibilità, i tedeschi non smentiscono gli stereotipi su di loro.

    Bravissimo il tuo piccolo! al posto suo, un calcetto alla dentista lo avrei tirato :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava anche io, perché con grande fatica sono riuscita a trattenere uno sputo in faccia alla dentista ;)

      Elimina
  4. simpatia e cortesia sta dentista...vediamo se poi suo figlio starà immobile!

    RispondiElimina
  5. scusa ma....tiro fuori il pisello....davanti alla dentista seriosa....avresti dovuto fare un doppio regalo al bimbo tuo solo per questa chicca che ti ha regalato! Epico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! io ho continuato a ridere per un pezzo, e ancora rido se ci ripenso!!!

      Elimina
  6. No scusa ma questa chi e'?!?!? Comunque uno e' andato dai. Lo sai io ti seguo come un'ombra. Da noi la prima visita, dopo quella della diagnosi, e' andata così così, in realtà ce l'ho un po' su con loro eh, perché tante smancerie sui loro metodi e poi si spazientiscono subito..mah, a me hanno fatto star dentro solo mezza visita e non mi va giù questa cosa. Ma racconterò nel dettaglio, per ora sono scettica e "temo" tanto che anche il mio si muova!!! ;-)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui c'è il primo incontro con la dentista pazza
      http://racheleracconta.blogspot.it/2013/10/visto-che-ci-siamo.html

      Ho letto su internet che molti dentisti non fanno stare i genitori così il bambino si comporta meglio e loro lavorano senza il fiato sul collo delle madri... qui per fortuna mi hanno fatto rimanere, Dede da solo non sarebbe stato altrettanto bravo

      Elimina
  7. Ahahahah....continuo ad insistere che dovresti girare munita di telecamera.....
    Ma la pomata che non doveva farlo muovere cos'era? Cianuro??? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! si, di sicuro così risolveva una volta per tutte!!

      Elimina
  8. uff fai pure i figli che si muovono...
    no comment Rachi, no comment
    Cindy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ci posso fare Cinzia, italiana sono! ;)

      Elimina